CONDIVIDI
Ralf Waldmann (Getty Images)

MotoGP | Ralf Waldmann è morto

Solo una settimana fa il mondo dello sport piangeva la morte del capitano della Fiorentina Davide Astori, ora a distanza di appena 7 giorni purtroppo si è ripetuto quasi il medesimo copione nel mondo della MotoGP. Ralf Waldmann, 51 anni, è stato trovato questa mattina morto nella sua casa di Ennepetal.

Il tedesco aveva lavorato recentemente come commentatore per Eurosport. Al momento non si conoscono ancora le cause del decesso, ma l’ipotesi più accreditata è quella di un attacco di cuore, che avrebbe sorpreso nella notte l’ormai ex pilota.

La lotta con Biaggi

La sua carriera nel Motomondiale ebbe inizio nel 1986, quando prese parte a quella che all’epoca era la 80cc. Ha corso inoltre anche in 125, 250 e 500. I risultati più importanti però Ralf Waldmann li ha raccolti nella classe centrale dove si è laureato per ben 2 volte vice-campione del mondo alle spalle di Max Biaggi, che in quegli anni dominava in 250.

Breve, invece, la parentesi in 500 dove ha corso solo nel 1998 con la squadra di Kenny Roberts. Per Ralf Waldmann anche una gara in Superbike con Honda, che però non riuscì a terminare. Nel Motomondiale il tedesco ha portato a casa: 20 vittorie, 50 podi, 10 pole e 16 giri veloci.

Questa notizia naturalmente addolora tutto il mondo della MotoGPRalf Waldmann, infatti, era un pilota molto amato e stimato nell’ambiente. Anche i canali social ufficiali della MotoGP hanno deciso di omaggiare questo campione che ci ha lasciato troppo presto e in maniera davvero inspiegabile.

Antonio Russo

 

 

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori