CONDIVIDI
Nicky Hayden (©Getty Images)

Nicky Hayden, nonostante una lunga parentesi Ducati è in ogni caso un simbolo della Honda. L’americano ha fatto il suo esordio in MotoGP proprio con il team giapponese e nel 2006 ha anche conquistato un mondiale contro Valentino Rossi all’ultima gara della stagione. Archiviata l’esperienza Motomondiale, Kentucky Kid ha continuato il suo forte legame con Honda anche in Superbike.

Proprio team Superbike Honda ha preso una clamorosa decisione in vista del prossimo weekend di Donington. Per onorare la memoria di Nicky Hayden, infatti, si è deciso di preparare ugualmente la moto numero 69 e di lasciarla nei box senza alcun padrone per tutta la durata della gara.

Solidarietà, ma anche sciacallaggio per Hayden

Tantissimi i messaggi anche da colleghi e amici, che sui propri profili social ufficiali hanno mostrato vicinanza alla famiglia Hayden. Non sono mancati però spiacevoli episodi di sciacallaggio. Purtroppo, infatti, sono state aperte alcune fantomatiche pagine Facebook, che raccolgono denaro per beneficenza in nome di Kentucky Kid, oppure che vendono magliette e gadget non ufficiali con il suo logo.

Tra le tante iniziative ufficiali però sta prendendo piede un’idea davvero molto carina. Il canale è il famoso sito per petizioni online “Change.org”. La richiesta è rivolta alla Honda, precisamente al team ufficiale HRC MotoGP con il quale Nicky Hayden ha vinto il titolo mondiale nel 2006. La petizione è per far si che nel 2018 la moto portata dalla Honda sia dedicata proprio al campione americano. Nel testo della richiesta c’è anche un abbozzo di nome, Honda RC213V-NH, dove le ultime due lettere stanno appunto per le iniziali del pilota da poco scomparso.

Non sappiamo naturalmente se i vertici Honda prenderanno in considerazione una tale proposta. Certo è che non sembra affatto male l’idea di omaggiare il compianto Nicky Hayden dedicandogli la prossima moto, lui che in fondo in vita ha dato davvero tutto per quel marchio, probabilmente se lo meriterebbe un gesto così.

Antonio Russo