CONDIVIDI
Maverick Vinales
Maverick Vinales (©Getty Images)

Maverick Vinales ha in Valentino Rossi il suo idolo e sicuramente mira in futuro a realizzare il sogno di diventare campione del mondo in MotoGP. Per il momento è difficile che si concretizzi questa possibilità visto che guida una Suzuki ancora distante a livello di competitività da Honda e Yamaha, ma la casa motociclistica di Hamamatsu ha più volte fatto sapere di voler vincere nella classe regina del Motomondiale ed è lecito attendersi progressi  nel 2016.

Nell’intervista riportata dal portale Speedweek lo spagnolo ha parlato del suo idolo Valentino Rossi, fonte di ispirazione fin da quando era piccolo e tuttora grande campione della MotoGP: “Quando ero piccolo era il mio idolo. Mi è piaciuto soprattutto nei suoi festeggiamenti per la vittoria, che erano incredibili, e, naturalmente, per il suo atteggiamento in pista. Era aggressivo. L’ho sempre guardato molto da vicino. Ho studiato il suo stile di guida. Corre ora con uno stile diverso, ma anche adattandosi mostra comunque la sua classe”.

Maverick Vinales ha proseguito il suo racconto su Valentino Rossi menzionando un ricordo molto importante del pilota italiano: “Il suo primo anno con la Yamaha (2004) era davvero fantastico, ha sempre avuto combattimenti emozionanti con gli altri piloti. La sua vittoria a Jerez nel 2005, quando ha combattuto con Sete Gibernau, è il momento più bello della sua carriera per me. Questo è quello che ricorderò sempre”.

C’è chi invece aveva un idolo diverso da Valentino Rossi, ma sempre un grande fenomeno del motociclismo. Daniel Pedrona indica infatti in Mick Doohan il suo campione preferito: “Quando ho iniziato a interessarmi di moto, era il mio eroe. Avevo cinque anni. Mi è piaciuto lo stile di guida Doohan e la sua moto. Il fatto che ha vinto, naturalmente, era una cosa che mi piaceva. Questo è molto importante per noi bambini. Me lo ricordo bene al 1998, quando avevo dodici anni. Ha avuto problemi in quell’anno. Ma ha vinto le ultime quattro gare della stagione ed è diventato campione del mondo. Ho trovato incredibile questa forte determinazione “