CONDIVIDI
Marc Marquez
Marc Marquez (© getty images)

Dopo due titoli mondiali consecutivi in MotoGP Marc Marquez si è dovuto accontentare della terza posizione nella stagione 2015, contrassegnata da ben cinque cadute dovute ad un cattivo feeling con la sua Honda RC213V.

Un anno da archiviare e da cui trarre insegnamenti per il pilota di Cervera, autore di dieci incredibili vittorie consecutive nel 2014. In un’intervista a Speedweek.com Marquez ha ripercorso le tappe dell’ultimo Mondiale e la polemica con Valentino Rossi.

 

Le prime scintille con il Dottore

Dopo le prime due memorabili stagioni in classe regina nessuno avrebbe mai immaginato un’annata così deludente per il pilota della Honda. “Abbiamo avuto un problema con il motore troppo aggressivo e non ho trovato alcun modo per tenerlo a bada”, ricorda Marc a proposito del primo Gran Premio in Qatar. “Quando sono arrivato alla prima curva, non riuscivo a frenare correttamente, ho perso posizioni. Ma almeno sono finito quinto”.

Nel GP dell’Argentina le prime scintille stagionali con Valentino Rossi: “L’Argentina è stata una gara speciale, non sapevamo le gomme da usare, perché l’anno scorso è andata molto bene con le gomme dure. Quest’anno non abbiamo potuto usarle, così abbiamo rischiato una gara con le gomme morbide… Rossi mi ha superato a due giri dalla fine. Sapevo che non avrebbe cambiato direzione, mi non mi aspettavo quella traiettoria, ha toccato la mia ruota anteriore e sono caduto. E’ stato un incidente di gara”.

Il Mugello e il Montmelò sono stati uno spartiacque nel Mondiale 2015 di Marc Marquez: “Dopo questa gara (Mugello, ndr) abbiamo capito che qualcosa non andava e abbiamo dovuto cambiare molte cose”Montmeló è stato il punto di svolta. Su questa pista sono sempre andato bene e avevo vinto l’anno scorso. Abbiamo avuto in ingresso di curva un problema con il freno motore, il che significava che la ruota era bloccata. Il freno motore non funzionava bene. La moto si muoveva molto in frenata… Io sono di solito uno specialista nei sorpassi in frenata. Ho provato comunque e ho fatto un errore. Sono arrivato ai box e ho detto: ‘Mi dispiace, non so cosa sia successo'”.

 

Le polemiche di Sepang

Il secondo posto di Assen è suonato come una sveglia per Marc Marquez, mancando la vittoria dopo quell’ultima curva ‘spericolata’ di Valentino. Una seconda scintilla… Fino all’ormai indelebile gara a Sepang, infervorata sin dalla conferenza stampa del giovedì, con quell’attacco diretto del pesarese nei confronti del pilota spagnolo, reo a suo dire di voler favorire Jorge Lorenzo.

“Sono arrabbiato per come è iniziato tutto questo, ma io penso che si debba trovare la causa, la radice nel corso della conferenza stampa. Quello che è stato detto è molto sgradevole per lo sport motociclistico in sé. Tutti vogliono dire la propria versione, tutti sanno improvvisamente di moto. Queste sono opinioni rispettabili, ma io ho la coscienza pulita. Alla fine solo Valentino e io conosciamo la verità. Ho aperto un nuovo capitolo e volgio concentrarmi solo sul 2016”.