CONDIVIDI
Marc Marquez e Dani Pedrosa (©Getty Images)

Marc Marquez e Dani Pedrosa sono in viaggio verso Le Mans per il quinto appuntamento del calendario MotoGP. Dopo l’ottima prestazioni di Jerez il team Repsol Honda cerca di ripetersi per dare una spallata alle Yamaha in classifica. Rossi, Vinales, Marquez e Rossi sono raccolti in un raggio di 10 punti, con i due piloti Honda rispettivamente a -4 e -10 dal Dottore.

Marc e Dani vogliono sfruttare al meglio i progressi nello sviluppo della RC213V. Dopo essere riusciti a “regolare” il nuovo motore a scoppi irregolari c’è grande attesa per capire se la HRC potrà attestarsi come grande favorita per il titolo iridato. La doppia vittoria iniziale di Maverick aveva fatto presagire un Mondiale già deciso in partenza. Ma le gomme Michelin e gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo.

A Le Mans Marc Marquez conta 2 vittorie: una in Moto2 (2011), una in MGP (2014), oltre a due podi e cinque pole position. “E’ un circuito particolare e diverso da molti altri. E’ molto stretto e con un sacco di curve stop-and-go.. Per fare un esempio, è l’opposto del circuito del Montmeló, ma ancora abbastanza piacevole. La superficie d’asfalto è nuova e la scopriremo venerdì”.

Honda ha deciso di non sprecare una giornata di test a Le Mans qualche settimana fa, dove invece hanno provato le dirette avversarie. “L’aderenza dovrebbe essere migliore e questo è positivo per noi piloti e anche per i tifosi, in quanto significa uno spettacolo migliore. Dobbiamo aspettare e vedere come si va – ha proseguito Marc Marquez -, quest’anno è ancora più difficile fare previsioni. Dobbiamo solo continuare così abbiamo fatto nelle ultime gare, lavorando sodo, con la giusta mentalità, perché il campionato è ancora una volta molto difficile”.

Daniel Pedrosa è molto carico dopo il successo di dieci giorni fa in Spagna. In Francia conta quattro trionfi, uno solo in classe regina risalente al 2013, poi tre podi e cinque pole. “Dopo un grande fine settimana a Jerez ora andiamo a Le Mans in uno stato d’animo molto positivo. Il GP di Francia è sempre una sfida. Il tempo è di solito abbastanza mutevole, rende difficile trovare il ritmo nelle prove libere o per pianificare la gara, in quanto potrebbe fare troppo freddo o molto caldo. Stiamo lavorando bene con la squadra e cercheremo di mantenere lo stesso livello anche lì”.