CONDIVIDI
Piloti Yamaha (Getty Images)

MotoGP | la Yamaha va così male, che è prima nel mondiale

La Yamaha non vede un proprio pilota sul gradino più alto del podio ormai da 19 gare (battuto il record storico negativo dei giapponesi risalente al 2003). L’ultima affermazione del team di Iwata risale alla vittoria di Valentino Rossi l’anno scorso ad Assen.

Insomma la situazione sembra davvero tragica, ma spulciando le classifiche mondiali ci ritroviamo dinanzi ad un dato davvero interessante. Il team Yamaha Factory, infatti, al momento comanda la classifica con 228 punti, davanti ad HRC fermo a 214 e Ducati a 173.

Pramac regina dei clienti

Questa classifica non viene spesso presa in considerazione e racchiude i risultati dei singoli team e dei loro piloti. Ultimo posto, purtroppo, per Aprilia con sole 16 lunghezze, mentre tra i team clienti buon 4° posto per Pramac che si piazza, con 140 punti, davanti a Suzuki ferma a 129.

Questo dato sorprendente in riferimento alla Yamaha è presto spiegato dal fatto che al momento il team di Iwata ha un pacchetto piloti complessivo superiore a quello HRC dove Pedrosa sinora non è pervenuto, inoltre la moto, pur con le dovute difficoltà, ha dimostrato di essere almeno da top-5 in ogni gara.

Diverso il discorso costruttori dove Yamaha al momento è la terza forza alle spalle di Honda e Ducati. In questo caso però la classifica si stila in base al miglior risultato per gara di uno dei piloti che guida una moto di un determinato costruttore.

Anche in questo frangente però è doveroso fare delle precisazioni in favore del team di Iwata. I giapponesi se nel team ufficiale hanno Rossi e Vinales che sono due frecce valide, nel team clienti hanno una moto, la M1 2017, che l’hanno scorso non si è dimostrata all’altezza, Zarco che ha dei problemi personali e Syahrin che è comunque un rookie.

Dall’altro lato invece c’è Ducati che schiera ogni domenica tantissime moto e può contare sull’apporto di due piloti validissimi come Petrucci e Miller nel team Pramac. Infine c’è Honda che oltre ad avvalersi del talento di Marquez può contare su 6 moto e un ottimo elemento come Crutchlow che quest’anno ha già vinto una gara.

Insomma forse questa Yamaha non è così male come tutti dicono, semplicemente ha bisogno di fare l’ultimo step per ritornare al successo, cosa che forse già sarebbe accaduta da un pezzo senza l’accoppiata da extraterrestre HondaMarquez.

Antonio Russo

POS TEAM PUNTI
1 Movistar Yamaha MotoGP 228
2 Repsol Honda Team 214
3 Ducati Team 173
4 Pramac Racing Team 140
5 Team Suzuki Ecstar 129
6 Monster Yamaha Tech 3 109
7 LCR Honda 79
8 KTM Factory Racing 51
9 Angel Nieto Team 48
10 Avintia Racing 31
11 Marc VDS 19
12 Aprilia Racing Gresini 16
Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori