CONDIVIDI
Jorge Lorenzo campione del mondo 2015
Jorge Lorenzo (getty images)

La Yamaha ha dimostrato di aver costruito la moto migliore in questo Mondiale 2015 della MotoGP, con il doppio titolo team e piloti messo in cassaforte proprio nell’anno del 60° anniversario della casa di Iwata. Jorge Lorenzo pur tra mille polemiche è il neo campione iridato, il pilota che ha vinto il maggior numero di GP in questo campionato avvincente e per il 2016 sarà ancora in sella alla Yamaha M1, al fianco di Valentino Rossi.

Il pilota maiorchino è stato impeccabile, eccezion fatta per qualche evento sfortunato ad inizio stagione e per la caduta rimediata sulla pista bagnata di San Marino: “Soprattutto le prime tre gare sono state un incubo, perché avevamo il potenziale, ma per diversi motivi non abbiamo mai raggiunto il podio. In Qatar, abbiamo avuto il problema con il rivestimento del casco. Ad Austin ero in cattive condizioni di salute. In Argentina abbiamo sbagliato la scelta degli pneumatici. Ma alla fine abbiamo avuto una moto ottimale a Jerez, poi abbiamo vinto quattro volte di seguito – ha ricordato il rider Yamaha -. Così ho guadagnato 28 punti su Valentino”.

In Germania e a Silverstone si è dovuto accontentare del 4° posto, sul bagnato ha riscontrato qualche problema, ma alla fine “il titolo mondiale è arrivato nelle nostre mani. Possiamo essere veramente orgogliosi. Sono molto felice”. A Valencia Jorge Lorenzo strappa il titolo dalle mani di Valentino Rossi, costretto a partire dall’ultima fila dopo la penalizzazione di Sepang: “Per me, questo campionato è stato molto importante…. Valentino, che è più vecchio di me; Casey, che è circa la mia età, e Marc, che è più giovane di me, sono i tre più duri rivale con cui mi sia mai affrontato. Sono i migliori motociclisti del 21 ° secolo. Essere riuscito a diventare tre volte Campione del Mondo MotoGP, contro questi avversari difficili – ha concluso il neo iridato Jorge Lorenzo -, mi rende molto orgoglioso”.