CONDIVIDI
Box Honda a Jerez
photo Twitter

MotoGP Jerez | Tempi e classifica finale del warm-up.

Il warm-up si apre sotto il sole di Jerez, ma le temperature sono al di sotto di quelle attese alle ore 14:10, quando prenderà il via il Gran Premio di Spagna. Stamattina, con l’asfalto così freddo, sarà complicato scegliere la miglior strategia gomme in vista della gara, ma si lavora sugli ultimi dettagli di assetto.

In casa Yamaha si cerca un “miracolo” per colmare di accorciare il gap da Honda e Ducati, con Valentino Rossi e Maverick Vinales relegati in quarta fila e con poche possibilità di podio, oltre ad essere in ombra nel warm-up domenicale. Grande attesa e fermento anche nel box Suzuki con Andrea Iannone e Alex Rins che hanno il potenziale per dare l’assalto ad un gradino del podio. Nelle fasi finali cade Dani Pedrosa alla curva 13 mentre era lanciato verso il miglior tempo, il compagno di team Marc Marquez, che è caduto alla 6, si conferma il più veloce con il tempo di 1’38″687, rifilando due decimi a Iannone.

Nulla di nuovo sotto il cielo Yamaha, dove la situazione sembra un po’ in allarme. “Ascolteremo i commenti dei piloti, è anche vero che abbiamo usato gomme usate perchè non avevamo gomme nuove e questo è un fattore importante”, ha commentato Maio Meregalli a Sky Sport. “Il problema è il caldo, sia venerdì che sabato al mattino abbiamo avuto meno difficoltà, al pomeriggio, con temperature dell’asfalto a 50°, soffriamo più degli altri. Spinniamo e non abbiamo trazione, mentre in alcune situazioni la moto spinge nonostante lo spin, in questi casi la moto ha spin ma la moto diventa troppo lenta… Di dubbi ne ho molti… Abbiamo provato con il grip meccanico, con quello che abbiamo…”.