CONDIVIDI
Johann Zarco
Johann Zarco (©Getty Images)johann zarco

MotoGP Jerez | Johann Zarco sul podio e conquista il 2° posto in classifica mondiale.

Con un po ‘di fortuna e al termine di una gara molto solida, Johann Zarco ha conquistato il suo secondo podio nel 2018. Il francese del team Monster Yamaha Tech3, che ha concluso la quarta gara della stagione come miglior pilota Yamaha, ha conquistato anche il secondo posto nella classifica mondiale, a meno di due settimane dal GP di Le Mans, appuntamento tanto atteso da squadra e pilota.

“A volte ho bisogno di un po’ di fortuna e oggi è andata bene. Partire dalla terza posizione è stata una grande opportunità, potevo essere un po’ più veloce di Pedrosa all’inizio, ma è andato un po’ meglio in accelerazione e quindi non ho mai avuto abbastanza margine per sorpassarlo – ha dichiarato Johann Zarco -. Non ero in grado di farlo, è stato difficile, ma poi ero in quinta posizione e speravo di riprendere questo gruppo davanti. Anche se Marquez stava andando via c’era ancora la lotta per il podio, siamo rimasti sempre fiduciosi e stavo facendo la mia gara. Quando li ho visti schiantarsi tutti e tre insieme, non potevo crederci, mi sono detto ‘stai calmo, abbiamo un grande vantaggio, sono solo sette giri al traguardo ed è importante portarlo a casa’. 20 punti nel campionato sono semplicemente fantastici”.

Syahrin 16°, un soffio fuori dalla zona punti

Hafizh Syahrin ha ottenuto una prestazione eccezionale stringendo i denti fino alla fine degli impegnativi 27 giri di gara sul circuito di Jerez, perdendo le posizioni di punteggio per un soffio. Il rookie della MotoGP ha sofferto molto dopo un incidente in bicicletta lunedì, ma è riuscito a vedere la bandiera a scacchi, guadagnando ancora più esperienza nella classe regina.

“Ho disputato la quarta gara a Jerez, ma ho lottato con il mio fisico, perché ho sofferto venerdì e oggi mi sono sentito onestamente peggio di ieri. Quindi stavo davvero combattendo nel corso della gara, non ho avuto energia per andare in moto correttamente a causa del mio dolore. Forse ho usato troppa della mia energia all’inizio. Sono felice con il team, perché hanno fatto un ottimo lavoro! Mi dispiace per loro, ma il nostro obiettivo era cercare di finire la gara e imparare il più possibile, che è esattamente quello che abbiamo fatto. Inoltre, eravamo molto vicini ai punti, ora mi riprenderò – ha concluso il pilota malese – e cercherò di fare una buona gara per il Gran Premio di casa della nostra squadra a Le Mans”.