CONDIVIDI
MotoGP Jerez 2018
©Getty Images

MotoGP Jerez FP2: tempi e classifica finale. Best lap di Cal Crutchlow.

Dopo il miglior crono Ducati del mattino prende il via la seconda sessione di prove libere del GP di Jerez de la Frontera. Nella FP1 sono state schierate gomme soft, medium e hard all’anteriore e al posteriore, mentre al pomeriggio la selezione si è affinata e sembra prevalere la scelta delle medie sia all’anteriore che al posteriore, con qualche pilota che potrebbe optare per l’hard all’anteriore. Nel finale Valentino Rossi ha provato la soft al posteriore per cercare di rientrare nella top-10

Jorge Lorenzo lavora sul chattering all’anteriore registrato nei test di novembre. Su una delle due Desmosedici GP18 è stato montato un codone 2017 in modo da garantire al maiorchino una seduta differente. Marc Marquez riporta una caduta senza conseguenze in curva 6 nei minuti finali delle prove libere del venerdì costringendolo a tornare ai box in anticipo.

Il circuito andaluso si conferma territorio Honda con il best lap di Cal Crutchlow in 1’38″614 davanti alla RC213V di Daniel Pedrosa a soli 28 millesimi. Johann Zarco si conferma la Yamaha più veloce piazzandosi terzo davanti ad Andrea Iannone, Marc Marquez e Andrea Dovizioso. A seguire le Ducati di Jorge Lorenzo e Jack Miller, mentre a chiudere la top-10 troviamo le Yamaha ufficiali di Valentino Rossi, con 6 decimi di gap dal miglior tempo, e di Maverick Vinales a 9 decimi: entrambi hanno sofferto con l’innalzarsi delle temperature.

Andrea Dovizioso, avendo a disposizione due moto senza appendici, ha fatto una sola comparativa. “Ha fatto i suoi commenti sulle modifiche da una moto all’altra, ma ha detto che ha commesso errori – ha spiegato Davide Tardozzi a Sky Sport -. Sul passo non era contentissimo, abbiamo messo avanti la gomma morbida negli ultimi giri ma non era soddisfatto. Jorge Lorenzo ha voluto cambiare il bilanciamento della moto e il trasferimento di carico. La prima gomma che ha usato, la morbida, non è andata molto bene, poi ne ha messa una media facendo 1’39″2, poi ha rimontato la morbida e ha girato a 1’39”, ma si è lamentato di un errore nel T3 e che la moto si è allargata un po'”.

POS RIDER GAP
1
C. CRUTCHLOW
1:38.614
2
D. PEDROSA
+0.028
3
J. ZARCO
+0.091
4
A. IANNONE
+0.095
5
M. MARQUEZ
+0.249
6
A. DOVIZIOSO
+0.454
7
J. LORENZO
+0.462
8
J. MILLER
+0.488
9
V. ROSSI
+0.634
10
M. VIÑALES
+0.900