Francesco Bagnaia
Getty Images

MotoGP, Francesco Guidotti: “Petrucci dovrà sudarsi il posto per sempre”.

Il team Pramac Racing si è riconfermato il miglior team indipendente grazie al quinto posto di Danilo Petrucci, vincendo la sfida contro Cal Crutchlow e Johann Zarco, alle spalle dei big Honda, Ducati e Yamaha, ma riuscendo a fare meglio persino di un pilota ufficiale come Dani Pedrosa.

Francesco Guidotti, 46 anni, team manager della squadra svela il segreto del successo in un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’: “Abbiamo fatto le scelte giuste quanto a piloti, avevamo una moto all’altezza, soprattutto abbiamo fatto un gran lavoro di preparazione alla base. Siamo molto soddisfatti, anche se mi sarebbe piaciuto qualcosa di più. Ci è mancato un podio di Miller, qualche acuto in più di Petrucci, soprattutto a Valencia avrebbe potuto regalarci una grande gioia. Però siamo contenti lo stesso”.

MotoGP, Petrucci e Bagnaia nel 2019

Dal prossimo anno Petrucci sarà nel team ufficiale, ma dovrà essere subito competitivo per guadagnarsi il rinnovo di contratto: “Non è questione di fortuna o sfortuna, ma di come sei riuscito a costruire la tua storia, da dove sei partito in carriera. Danilo è arrivato nel Mondiale in un modo un po’ rocambolesco e dovrà sudarsi il posto a cui ambisce per tutta la carriera”. Sarà Jack Miller a svolgere il ruolo di prima punta in Pramac dal 2019: “Jack ha fatto vedere le solite cose buone con più sostanza, ma purtroppo con periodicità anche le meno belle. Ha tanto da dimostrare e da pensare per meritarsi la moto ufficiale”.

Inutile però nascondere che le aspettative intorno a Pecco Bagnaia sono alte, avrà una stagione per ambientarsi, ma già nel prossimo anno si attendono buoni risultati: “Pecco lo abbiamo cercato in maniera pesante. Arriva da campione del mondo e quindi con una considerazione ancora maggiore. È partito subito bene, sia a Valencia, ma soprattutto a Jerez, pista impegnativa. Si capisce che dove è stato gli hanno dato un metodo e un sistema di lavoro… La qualità migliore è la scorrevolezza di guida. Non volevo dirlo, ma fa le linee di Lorenzo, sono andato a guardarli in pista e Pecco mi ha impressionato molto. Come Jorge, che ha impiegato poco per guidare anche la Honda alla Lorenzo. Non la guida bene, di più”.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore