CONDIVIDI
Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

 

Il bilancio della prima metà della stagione 2015 della MotoGP presenta due fattori che potrebbero rivelarsi determinanti: il grande ritorno della Honda, con una sorta di involontaria “santa alleanza” tra i due piloti ufficiali Marc Marquez e Dani Pedrosa, e la sempre più concreta possibilità che Valentino Rossi arrivi a conquistare il decimo titolo iridato. A sostenerlo è Guido Meda, il principe dei commentatori della MotoGP, in un ghiottissimo video editoriale su Sky Sport.

 

Le dinamiche del Campionato 2015

Secondo Guido Meda, il campione del mondo in carica Marc Marquez “già ad Assen si era dimostrato ultracompetitivo”, ma “il Sachsenring ce lo ha restituito in modo assolutamente integro”. Merito della Honda, che “gli ha ridato il telaio 2014, con il quale anche Pedrosa sembra trovarsi bene”, e per questo “si ricandida come superpotenza”. Il team giapponese dunque “potrebbe essere l’ago della bilancia nella sfida tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo”, ma “strada facendo potrebbe anche portare Marquez, più facilmente che Pedrosa, a essere un serio candidato per il mondiale”. Come dire, la partita è ancora tutta da giocare.

Sull’altro versante la situazione Yamaha, con “la serie positiva di gare vinta da Jorge Lorenzo” che “ha tratto un po’ in inganno” dato che il Dottore è riuscito nel round tedesco, per la seconda volta di seguito, a “compiere la missione” di imporsi su un maiorchino “non brillantissimo” che “non ha neanche attaccato”, vincendo quella che per lui è al momento la vera sfida.

Insomma, il maiorchino potrebbe rivelarsi un avversario meno indisioso del previsto per il Campione di Tavullia, e quest’ultimo si avvierebbe così a una seconda metà della stagione più in discesa che in salita. Il che dimostra – conclude Meda – che “forse Valentino al decimo titolo ci può pensare davvero”. Per ora il Pesarese si gode il meritato riposo, ma – noi di Tuttomotoriweb ne siamo sicuri – con la mente è già li…