CONDIVIDI
Paolo Ciabatti
Paolo Ciabatti (©getty images)

Paolo Ciabatti, direttore sportivo di Ducati Corse, è stato intervistato da Speedweek per affrontare tanti tempi importanti di attualità per quanto riguarda la nuova stagione in MotoGP del team di Borgo Panigale, chiamato a fare un ulteriore step in avanti dopo i progressi del 2015. L’obiettivo finale è quello di tornare a vincere, anche se nel 2016 sarà troppo presto, però è importante ridurre il gap esistente rispetto a Honda e Yamaha.

Innanzitutto si è partiti parlando del test di Jerez di questi giorni: “E’ stato deciso dalla Michelin. Il nostro collaudatore Michele Pirro e il nostro test team sono lì con la vecchia moto; si tratta solo di capire il comportamento della gomme in modo corretto. Non vogliamo che fattori sconosciuti entrino in contrasto tra loro”. Gli pneumatici Michelin sono una delle novità di rilievo della MotoGP per il 2016 e le varie squadre stanno cercando di capire come sfruttarli al meglio.

La Ducati ha annunciato il ritorno di Casey Stoner come collaudatore e ambasciatore dell’azienda, mentre ancora non vi è certezza su un ritorno in pista da wild-card, opzione recentemente esclusa dall’amministratore delegato Claudio Domenicali. L’australiano salirà sulla moto il 30-31 gennaio a Sepang e successivamente nei test IRTA in Qatar. A proposito della GP16 questo è il commento di Paolo Ciabatti sui lavori in corso: “Siamo all’ultimo step sulla moto del 2016, stiamo rispettando la tabella di marcia. Farà il suo debutto il 1° febbraio nel test di Sepang”.

Nel 2015 la Ducati non ha raggiunto l’obiettivo di vincere almeno un gran premio e ovviamente nella squadra c’è stata un po’ di delusione per questo: “Abbiamo aspettato tutto l’anno per poter vincere e non ci può essere alcun successo se non ci si pongono degli obiettivi e delle sfide – spiega Paolo Ciabatti -. Non abbiamo raggiunto il fine che volevamo e per questo non possiamo dire di essere rimasti felici della stagione”.

Il direttore sportivo della scuderia di Borgo Panigale ha commentato poi il campionato di Andrea Dovizioso, partito bene e a un certo punto in enorme difficoltà a causa di alcuni problemi che lo hanno costretto a ritiri o a risultati sotto le aspettative: “Ad un certo momento ha perso il feeling con la moto. Perché è difficile da dire. E ‘stato secondo nella classifica generale, poi è stato protagonista di alcune circostanze  sfortunate. Aggiungi a queste anche che alcune caratteristiche della moto non hanno soddisfatto i suoi bisogni”.

Ma per il 2016 regna ottimismo in casa Ducati e Paolo Ciabatti esplicita tutta la sua fiducia nel lavoro del team: “Siamo sempre al lavoro per migliorare le condizioni di entrambi i nostri piloti. Negli ultimi tre anni siamo riusciti ad ottenere zero podi nel primo, tre nel secondo e nove nel terzo.”. Progressi costanti della rosa e l’anno prossimo dovranno essercene ulteriori.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori