CONDIVIDI
Gigi Dall'Igna
Gigi Dall’Igna (©Getty Images)

Per Ducati è un momento positivo. In MotoGP è reduce da due vittorie consecutive con Andrea Dovizioso tra Mugello e Montmelò, mentre in Superbike c’è stato il ritorno al successo di Marco Melandri a Misano in Gara2.

Se nella classe regina del Motomondiale ci sono chance di vincere il titolo, nel campionato mondiale delle derivate di serie lo scenario è diverso. Infatti Dovizioso ha solo 7 punti di distacco da Maverick Vinales, dunque ha ambizioni importanti ora. Invece in SBK i giochi sono ormai chiusi, i ducatisti sono troppo lontani da Jonathan Rea (Kawasaki). Il doppio zero di Chaz Davies, causa caduta e infortunio, nell’ultimo gran premio ha sancito la fine dei sogni iridati.

Ducati, Gigi Dall’Igna tra MotoGP e Superbike

Gigi Dall’Igna, direttore generale di Ducati Corse, è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport per parlare della situazione della casa di Borgo Panigale nei principali campionati in cui è impegnata. Per quanto concerne la MotoGP, non intende sbilanciarsi anche se Andrea Dovizioso è vicino alla vetta: «Sono d’accordo con Dovi, parlare di Mondiale ora non ha senso. Io penso solo al GP di Assen, che sarà importante. A come puntare al miglior risultato, a come mettere i nostri due piloti nelle condizioni migliori».

Ducati non porterà novità per le prossime gare di Assen e Sachsenring, ma solamente dopo la sosta. Intanto nel weekend si corre in Olanda e ci si attende molto sia da Dovizioso che da Jorge Lorenzo. A proposito del maiorchino, l’ingegner Dall’Igna dice: «In Olanda lui è sempre andato forte, e nel complesso ci sono segnali di miglioramento. Siamo molto fiduciosi, noi e lui».

Per quanto riguarda la Superbike, l’ex direttore sportivo Aprilia conferma di essere molto realista sulla situazione attuale ed è concentrato sul futuro: «Il divario di Davies è diventato incolmabile (111 punti da Rea, n.d.r.), era già difficilissimo prima, il doppio zero di Misano è una sentenza. Abbiamo margine di sviluppo, non ci fermiamo. Intanto vogliamo finire bene la stagione, poi penseremo a come poter vincere il Mondiale 2018». Dall’Igna annuncia anche il probabile rinnovo di contratto di Marco Melandri, sul quale Ducati ha un’opzione per prolungare di un altro anno: «Non vedo perché non dovremmo, ci stiamo lavorando».

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)