CONDIVIDI
Danilo Petrucci
Getty Images

MotoGP, Danilo Petrucci: “Voglio dimostrare che Stoner ha ragione”

La Ducati fa affidamento su Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci nella stagione MotoGP 2019. Secondo il collaudatore Casey Stoner Petrucci è l’uomo giusto per la Ducati, perché l’italiano è considerato un gran lavoratore. “Condivido questa opinione”, scherza Petrucci. “Ho sempre fatto del mio meglio, dal momento in cui giro in MotoGP. A volte non è stato sufficiente. Negli ultimi due anni sono stato in grado di migliorare i miei risultati. Ducati mi ha dato la possibilità di mostrare il mio potenziale con la moto migliore possibile. Il mio primo obiettivo. Sono passati anni per ottenere una fabbrica Ducati”.

Il pilota umbro si è trovato al posto giusto nel momento giusto, approfittando dell’indecisione aziendale relativa a Jorge Lorenzo e della decisione del maiorchino di affrettare la scelta e passare in HRC. Ma è anche vero che Danilo Petrucci ha meritato il salto nel team ufficiale anche se gli manca ancora la giusta costanza in gara e nei risultati. Dal prossimo anno si dovrà fare sul serio, con il tem ufficiale c’è solo un anno di contratto e dovrà guadagnarsi la riconferma. “Ma prima di tutto, devo finire questa stagione, devo lavorare in molte aree, perché a volte non sono coerente da una gara all’altra, il che rende più difficile il campionato”, dice il pilota della Prama Racing a Motorsport-Total.com. E ringrazia Stoner per le belle parole spese a suo favore. “Casey è stato sempre gentile con me. Abbiamo un buon rapporto. Ci conosciamo dal 2004, quando mio padre a KTM lavorato per lui nel campionato del mondo 125cc. Ha sempre avuto parole positive lasciato per me. L’anno scorso, mi ha dato dei buoni consigli su come andare in moto”, spiega Danilo Petrucci. “Sono soddisfatto delle sue parole e voglio dimostrare che ha ragione.”