CONDIVIDI
Danilo Petrucci
Getty Images

MotoGP, Danilo Petrucci: “Troppo aggressivo quando apro il gas”

Il nuovo pilota della Ducati Danilo Petrucci è rimasto soddisfatto dopo i due giorni di test, il quarto posto nel GP di Valencia e il quinto nella classifica combinata, a soli due decimi dal best lap di Vinales, meno di un decimo dal ben più collaudato collega di marca Andrea Dovizioso. Tempi da prendere con le dovute distanze ma che lasciano ben sperare i tifosi e il pilota umbro, che dovrà guadagnarsi il rinnovo di contratto entro la prima metà della prossima stagione.

In attesa del prossimo test di Jerez Danilo Petrucci ha iniziato con il piglio giusto la nuova esperienza nel team ufficiale della Ducati: “Sono contento e positivo dopo questi due giorni. Soprattutto il mio feeling con le gomme usate è migliorato con la nuova moto. Negli ultimi quattro, cinque Gran Premi ho avuto dei problemi. Soprattutto in fase di accelerazione. Qui non ho avuto questo problema, nemmeno nel weekend della GP. Ma con un test hai meno pressione e hai molto più tempo per imparare, guardare i dati e capire meglio. Apprendo e affronto i miei punti deboli. Sono un po’ più aggressivo ora quando apro la manopola del gas agli angoli per la prima volta. Questo mi crea dei problemi, specialmente alle alte temperature”.

> Per tutte le news di MotoGP LEGGI QUI <<<

Ducati alla ricerca del nuovo telaio

Danilo Petrucci dovrà perdere alcuni chili durante l’inverno e modificare lo stile di guida per stressare meno la gomma posteriore: “Ho valutato positivamente il secondo giorno a Valencia perché ero costantemente veloce con gomme usate tutto il giorno”, ha dichiarato Petrux. “Sono sempre stato in prima fila. Alla fine non ero così contento del singolo giro veloce con gomme nuove. Ma sono contento del feeling con le nuove gomme. Abbiamo provato molto il secondo giorno, il che è prezioso, ma non abbiamo cambiato nulla sul set-up. Ciò significa: la moto funziona alla grande”.

Il pilota umbro ha preferito non andare alla ricerca del limite per evitare incidenti ed eventuali danni alla moto in vista di Jerez e nel finale non ha montato la gomma nuova al posteriore. Qual è la più grande differenza tra GP18 e GP19? “Come ho detto, non c’è stata nessuna rivoluzione. Devi stare attento con lo stile di guida ed essere molto preciso. La parte anteriore della GP19 è più stabile, soprattutto durante l’accelerazione. Mi piace perché la moto si sente più stabile quando accelera e la ruota anteriore diventa più leggera. Abbiamo anche provato nuove soluzioni sul telaio senza modificare il set-up. Ora dobbiamo dare agli ingegneri molte informazioni sul telaio e dare loro una direzione per lo sviluppo futuro”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori