CONDIVIDI
Jorge Lorenzo e Danilo Petrucci
Getty Images

MotoGP, Danilo Petrucci: “Stiamo cercando di copiare Lorenzo”

Dal prossimo anno Danilo Petrucci avrà l’onore e l’onere di sostituire Jorge Lorenzo in sella alla Ducati ufficiale, un compito non facile e una carica che dovrà poi riguadagnarsi in breve tempo vista la firma annuale del contratto. Il pilota umbro sta cercando di carpire segreti e metodi del campione maiorchino, soprattutto nei punti forti come la partenza, dove Jorge si è dimostrato sensazionale, a tratti invincibile, fino a quando col passare dei giri non vengono a galla i problemi della Desmosedici.

E’ stato uno dei più forti alla partenza in MotoGP quest’anno, costantemente in testa nelle prime fasi delle gare, e Petrucci ha cercato di copiare il suo modo di lavorare nel weekend. “È un ottimo antipasto, spinge sempre molto nel giro libero in tutte le sessioni di prove libere”, ha detto Petrux ad Autosport. “A volte è incredibilmente veloce nel primo giro della pratica. Quando devi rischiare di più durante l’out-lap perché nella pratica non hai un tempo sul giro o forse non hai la gomma più calda, o le gomme non sono pronte, è in grado di spingere molto”.

Dai dati a disposizione e dalla telemetria condivisa si cerca di imitare i punti forti di Lorenzo, in vista del proseguimento di campionato e della prossima stagione. “Stiamo cercando di copiare il suo lavoro, cercando di essere più efficiente nel giro di prova. Ma si rischia molto perché se cadi nel giro esterno, tutti dicono che sei un segaiolo perché non conta. Per lui, è molto facile essere il più veloce nel primo giro della gara”. Petrucci ha paragonato Lorenzo alla leggenda della Ducati, Casey Stoner, per quanto veloce possa essere nel primo giro. “Nel primo giro ricorda Stoner”.

Non resta che sfruttare le dieci restanti gare del campionato per migliorare in alcune aree e trovarsi pronto all’impegno 2019. “Ho un po’ di tempo quest’anno per imparare il mio punto debole e senza alcuna pressione per il prossimo anno. Devo usare quest’anno affinchè sia la mia migliore stagione nella mia carriera, e poi per preparare tutto, soprattutto me, per il prossimo anno”.