CONDIVIDI
Danilo Petrucci
Danilo Petrucci (©Getty Images)

Danilo Petrucci sfiora anche la vittoria ai Gazzetta Sport Awards 2015, ma deve cedere la vittoria a Roberta Vinci nella categoria ‘Exploit dell’anno’, ma resta un’altra bella soddisfazione per il pilota di Terni, che chiude alla grande una stagione da incorniciare, con il suo primo podio in sella ad una moto satellite e il suo primo podio in carriera conquistato a Silverstone.

Un anno memorabile per Petrux che è riuscito ad ergersi al di sopra delle aspettative e che nel GP in terra britannica ha dimostrato di avere stoffa da vendere. E nel 2016 l’obiettivo è ripetersi e migliorarsi insieme al team Octo Pramac Racing, avendo a disposizione le Ducati Desmosedici GP15, l’identica moto utilizzata da Dovizioso e Iannone in questo Mondiale, seppur con le dovute differenze regolamentari.

Al Metropol di Milano, in occasione del galà organizzato da ‘La Gazzetta dello Sport’ Danilo Petrucci  ha ricordato la sua favolosa impresa sul circuito di Silverstone: “In Inghilterra sotto l’acqua tutti e tre gli italiani abbiamo fatto una bella gara, Valentino primo, io secondo, è stato fighissimo perchè era un podio tutto italiano, c’erano due Ducati, abbiamo provato tutti e tre a vincere e alla fine ha vinto come al solito il migliore… E’ stata una giornata bellissima”.

Dopo quanto successo tra Valentino Rossi e Marc Marquez l’augurio è che si ritorni alla ‘normalità’… “Spero che ritorni ad essere come prima, che l’inverno sistemi le cose e che l’anno prossimo torneremo a vedere le gare di MotoGP come quest’anno e di giocarcela fino all’ultima gara”. Ma dopo i fatti di Sepang “L’amaro in bocca per come è finita una stagione bellissima c’è, è innegabile – ha aggiunto Danilo Petrucci come riportato da Rai Sport -. Spero che si volti pagina in MotoGp” e che “si ripartirà tutti con la voglia di vincere, senza casino. Rossi vorrà la decima, Lorenzo la riconferma, Marquez il riscatto al pari di Pedrosa. E in questo marasma – ha concluso il pilota umbro – spero di inserirmi anche io”.