CONDIVIDI
Andrea Iannone (Getty Images)
Andrea Iannone (©Getty Images)

Andrea Iannone ha chiuso la stagione 2015 in MotoGP al quinto posto, subito alle spalle delle big Yamaha e Honda, con 188 punti, riuscendo persino a far meglio del più esperto compagno di squadra Andrea Dovizioso. Un ottimo risultato che viene sottolineato dal suo manager Carlo Pernat che prevede un futuro di successi per il pilota di Vasto, confermato anche da una previsione dell’amico e avversario Valentino Rossi…

Dopo quattro podi nelle prime cinque gare Dovizioso sembrava destinato ad essere il portabandiera dei colori Ducati, ma le sue prestazioni sono calate gara dopo gara, salvo il terzo posto nel GP di Silverstone. A portare avanti l’onore del team di Borgo Panigale ci ha pensato Andrea Iannone, alla sua prima stagione con una moto ufficiale, conquistando tre podi e sfiorando più volte i primi tre posti, mostrando una costanza di rendimenti superlativa nonostante una GP15 ancora in divenire.

Luigi Dall’Igna, Direttore Generale di Ducati Corse, conosce Andrea Iannone sin dal suo primo successo in Aprilia nella classe 125: “Gigi sa da molto tempo che Andrea è un pilota molto forte”, ha detto Carlo Pernat in un’intervista rilasciata a Speedweek.com. “E’ stato lui a volerlo qui. Gigi è molto intelligente. Ha riconosciuto la differenza tra Iannone e Dovizioso. Essi sono entrambi adatti per diversi aspetti tecnici dello sviluppo”.

Iannone rallenta in ritardo rispetto a Dovizioso – ha aggiunto il manager genovese -, ma la differenza è la curva. Nella lotta Iannone è superiore. Lui non ha paura di nessuno. Egli ama combattere come Valentino” e l’ha ampiamente dimostrato a Phillip Island con quel sorpasso ai danni del Dottore che resterà impresso negli annali del motociclismo. “Valentino disse in TV che Iannone, quando era un pilota della 125cc, era un pilota cui tutti avrebbero dovuto prestare attenzione perché era molto forte – ha concluso Pernat -. Lo stesso disse anche Simoncelli”.