CONDIVIDI
Maverick Vinales
Maverick Vinales (©Getty Images)

Non conquista la pole position, ma ci va vicinissimo. Maverick Vinales per poco non ha soffiato a Marc Marquez la prima posizione nelle Qualifiche del Gran Premio degli Stati Uniti 2017 MotoGP. Un secondo posto niente male, comunque.

Dopo aver dimostrato di essere velocissimo e vincente già in Qatar e Argentina, pure Ad Austin il pilota Yamaha è super competitivo. E’ lui il candidato a combattere per la vittoria con il connazionale. Il 22enne di Figueres può evitare che il collega Honda conquisti il quinto successo di fila sul tracciato texano. Il suo obiettivo è di fare tris dopo i trionfi dei primi due GP 2017. Non sarà facile e si prevede una grande lotta tra lui e il 24enne di Cervera.

MotoGP Austin, Qualifiche: parla Maverick Vinales

Maverick Vinales dopo le Qualifiche MotoGP ad Austin si è così espresso ai microfoni di Sky Sport: “Pensavo di aver preso la pole, però poi ho visto che Marc era dietro di Vale e ciò gli ha dato il plus per fare il tempo. Comunque sono contento, abbiamo spinto al 100%. La moto ha lavorato molto bene, sono contento. So che possiamo lottare per la vittoria”.

Con il pilota spagnolo della Yamaha si parla anche di strategia in ottica gara, considerando che allo start Marc Marquez potrebbe tentare la fuga: “Sarà molto importante partire bene, essere lì davanti dal primo giro, dietro o davanti a Marc. Proverò a stare davanti, mi sento bene e posso girare molto forte. Il terzo settore però è difficile per la Yamaha, perché è complicato curvare. Ma possiamo migliorare nel warm-up. Passo? In FP4 ho messo la dura e andavo piano, ma penso che ho un buon  passo e lo abbiamo visto ieri. Nel warm-up possiamo migliorare ancora”.

Inevitabile chiedere a Vinales dell’incomprensione avuta con Valentino Rossi: “Non è successo niente. Sono un pilota spagnolo con il sangue caldo. C’erano tanti piloti davanti, me lo sono trovato lì. Venivo su bene e per questo mi sono arrabbiato un po’. Però non è successo nulla”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)