CONDIVIDI
photo Aprilia

Aleix Espargaro ha chiuso il primo test IRTA a Sepang a poco più di un secondo dal miglior giro di Jorge Lorenzo. Scott Redding è alla ricerca del miglior setting con la sua nuova Aprilia RS-GP, ma si può ritenere soddisfatto della sua prima uscita ufficiale del 2018.

La casa di Noale sta sperimentando nuove soluzioni che potrebbero rappresentare l’avanguardia della tecnologia MotoGP.  Paolo Bonora, Aprilia Racing MotoGP Project Leader, descrive i primi interventi di evoluzione 2018 del progetto RS-GP. “Alla luce dei dati raccolti nella scorsa stagione e seguendo le indicazioni dei piloti, abbiamo individuato le linee guida su cui evolvere la nuova moto”.

Aprilia lavora su una maggiore concentrazione delle masse in prossimità del baricentro e una diversa distribuzione dei pesi. “Queste modifiche hanno coinvolto l’intera moto, con lo spostamento e la riprogettazione di molte componenti fondamentali – ha aggiunto Paolo Bonora -. Il serbatoio, ad esempio, ha una forma diversa rispetto al 2017 e, fisicamente, non può più avere il tappo nella posizione tradizionale, quindi sulla nuova RS-GP l’accesso al serbatoio è nella parte posteriore della sella”.

Ma le novità in casa Aprilia non finiscono qui, perchè entro il primo Gran Premio sarà testata un’evoluzione del motore. La fabbrica italiana non subirà il congelamento del V4 e potrà proseguire lo sviluppo nel corso di tutta la stagione 2018. “Il prossimo step lo faremo con la evoluzione del motore che arriverà per i test del Qatar”, ha sottolineato Aleix Espargaro. “Sviluppare continuamente è fondamentale perchè la competizione quest’anno sarà ancora più serrata”.

photo Aprilia