CONDIVIDI
Andrea Iannone
Andrea Iannone (©Getty Images)

MotoGP | Andrea Iannone alla vigilia del GP di Jerez guarda al futuro.

Dopo il podio di Austin e il bagno di folla sul circuito di Cremona per il Suzuki Day, Andrea Iannone è pronto per la nuova sfida europea. Sul circuito di Jerez il pilota di Vasto è alla ricerca di riconferme prima di decidere il suo futuro contrattuale. “Il terzo posto è stato un po’ il riassunto di quello che è il nostro potenziale. Che è tanto, anche se non sempre riusciamo a sfruttarlo”.

In un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’ Iannone ribadisce le difficoltà della scorsa stagione, il continuo rincorrere il suo primo podio in sella alla GSX-RR nonostante le critiche sportive e personali. Perchè la vita di coppia con Belen Rodriguez ha alimentato un vespaio di voci, tant’è che qualcuno lo vedeva già proiettato verso l’Isola dei Famosi. “Se fosse stato quello che avevo in testa, lo avrei fatto. Ma io sono un pilota e non ho mai dato peso a queste voci. Tutto il mio tempo è finalizzato a diventare un pilota migliore”.

Suzuki o un altro team per il 2019?

Passare dalle buone prestazioni in Ducati ad una Suzuki in preda a ritardi tecnici ha causato nervosismo, ma Andrea Iannone non ha mai perso la volontà di uscire dal tunnel: “Affrontare difficoltà inaspettate lo accusi il doppio, anche perché tutti hanno aspettative alte nei miei confronti. Ma non mi sono mai dato per sconfitto, sono sempre rimasto positivo, anche se certe situazioni non sono state facili. Direi che errori non ce ne sono stati, nervosismo e dispiacere sì”. La casa di Hamamatsu ha ammesso le proprie responsabilità sullo sviluppo del motore, impossibilitata ad apportare modifiche dopo i buoni risultati di Vinales del 2016 che hanno imposto il congelamento come da regolamento”.

Adesso c’è da regolare i conti con il futuro e tentare di proseguire l’avventura con Suzuki per non gettare alle ortiche due anni di lavoro. Ma tutto è possibile, compreso un possibile ritorno in Ducati Pramac… “Con un mercato così aperto, tutti parlano con tutti. Non ho risposte da dare, ma questo al momento non è il problema principale: penso a concentrarmi sulle gare. Non sono un pilota senza richieste – ha concluso Andrea Iannone -, ci sono persone e Case che credono in me”. Aprilia compresa.