CONDIVIDI
Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (©Getty Images)

E’ un Andrea Dovizioso da favola quello visto a Montmelò. Il pilota Ducati bissa la vittoria del Mugello e si impone anche nel Gran Premio di Catalogna 2017 MotoGP. E adesso sono solo 7 i punti di distacco da Maverick Vinales.

Ci si attendeva di capire se quello in Italia fosse stato un successo occasionale. Invece oggi c’è stata la conferma che il forlivese e la Ducati sono molto forti. Una corsa condotta con grande intelligenza da parte di Desmo-Dovi, che ha saputo gestire bene le gomme e poi dare la frustata alle Honda al momento giusto. Una strategia perfetta in una pista con asfalto poco aderente e in una condizione climatica molto calda.

MotoGP, Montmelò 2017: parla Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso al termine della gara è intervenuto ai microfoni di Sky Sport. Queste le sue dichiarazioni in merito al trionfo odierno: “Ha un sapore strano questa doppietta, perché è stata una gara strana e anche il weekend lo è stato. Abbiamo vinto perché siamo stati più intelligenti a capire i limiti della pista e delle gomme, non perché eravamo i più veloci. Ci siamo concentrati sulla costanza e abbiamo compreso che il calo delle gomme sarebbe stato enorme”.

Il forlivese spiega nel dettaglio la strategia di gara adottata oggi a Montmelò: “La moto era molto veloce, però non forzavo e ciò mi ha permesso di salvare la gomma davanti con Pedrosa. Usavo le mappe con meno potenza ed ero veloce senza spingere. Ciò ha fatto la differenza. Poi quando sono andato davanti è stato uno shock, perché mi aspettavo di andare almeno mezzo secondo più forte, invece la gomma non ne aveva più. Però non ne avevano neanche gli altri, ho stretto i denti e loro hanno capito che non potevano stare con me. Ho vinto senza spingere, una sensazione nuova”.

In seguito Dovizioso ha commentato l’atteggiamento avuto da Jorge Lorenzo, che è partito a fionda nei primi giri e poi è calato. Ha avuto un crollo evidente il maiorchino, che poi nel finale si è ripreso e ha chiuso ottimamente in quarta posizione. Il numero 4 Ducati afferma: “Non serviva assolutamente a niente spingere in quei giri lì. Io senza spingere avevo la gomma finita a 10 giri dalla fine”.

Ad Andrea è stato anche chiesto se si senta diverso rispetto al 2016 e agli anni precedenti: “Ho più consapevolezza dei miei valori e del mio potenziale. Conosco la situazione della moto, i pregi e i difetti. So sfruttarla nel modo giusto”. Considerazione finale sulla classifica del campionato MotoGP 2017 che lo vede secondo a 7 punti da Vinales: “Totalmente inaspettato, ma non penso al Mondiale. Bisogna migliorare alcuni aspetti della moto per giocarci il titolo. Piedi per tera”.

 

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori