CONDIVIDI
Marc Marquez e Andrea Dovizioso
Getty Images

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Impossibile recuperare 72 punti”

Per Andrea Dovizioso è teoricamente possibile battere Marc Márquez e diventare campione del mondo MotoGP 2018 a cinque gare prima della fine della stagione. Ma il pilota Ducati non vede quasi nessuna possibilità realistica per farlo, considerando la capacità del leader spagnolo di riuscire a limitare i danni con un podio anche nelle situazioni più difficili.

Nel prossimo week-end il Motomondiale approda in Thailandia, dove le Ducati potrebbero avere una marcia in più grazie al layout formato da numerosi rettilinei, il più lungo dei quali di 1 km, dove sarà possibile sfruttare tutta la potenza del motore e dell’accelerazione. Andrea Dovizioso dovrebbe sperare in un gran colpo del destino, ma è più probabile che Marc Marquez arrivi a Sepang già con il titolo in tasca, anche se non vuole sentirne parlare. “Il lavoro non è ancora finito, e non lo sarà, a meno che non abbia punti sufficienti per essere sicuro di non poter essere superato”, ha detto Marc Márquez a MCN. “Potremmo pensare che lo abbiamo già fatto e sarebbe un errore. L’ho fatto nel 2014, pensando al campionato in Europa prima delle ultime gare oltreoceano e poi sono caduto per due gare consecutive”.

MotoGP, cinque gare per la vittoria

Non farà di nuovo quell’errore El Cabroncito che si avvicina al suo settimo mondiale in carriera. “Quindi dobbiamo concentrarci quest’anno e continuare a lavorare. Tutto può succedere in MotoGP: possiamo commettere un errore, possiamo avere un problema meccanico, errori umani, cattive condizioni della pista e condizioni meteorologiche. Dobbiamo cercare di lavorare duro e concentrarci sui modi in cui possiamo vincere la gara. Vado sempre in un fine settimana con l’intenzione di vincere, poi vedo cosa succede domenica e continueremo così”.

Marc Márquez non scenderà certo in pista con la consapevolezza di essere già il campione, nè Andrea Dovizioso si illude che l’impresa sia fattibile: “Ottenere 72 punti in cinque gare è impossibile. L’unica opzione sarebbe se lui non guida – e anche allora sarebbe difficile! Realisticamente, non possiamo vincere. Tutto può accadere in una gara e matematicamente è possibile, ma non molto probabile”.

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News