CONDIVIDI
Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (getty images)

Dopo il secondo posto conquistato nel GP del Qatar Andrea Dovizioso prosegue gli allenamenti sullo sterrato di Misano, al fianco di Michele Pirro e Matteo Baiocco, per prepararsi al meglio in vista del prossimo appuntamento ad Austin, dove fra una settimana prenderà il via la seconda tappa del Mondiale 2015 della MotoGP. Il Dovi sa bene che basta un piccolo ulteriore progresso sulla Ducati Desmosedici GP15 per avere il podio sempre a portata di mano.

Il lavoro di Luigi Dall’Igna comincia a portare i primi frutti dopo anni difficili in cui le Rosse non sono mai riuscite a tenere il passo delle rivali. “Potevo vincere a Losail? Non sapevo cosa aspettarmi, non avevamo fatto una simulazione di gara. Non sono riuscito a contrastate Rossi in frenata, uno dei punti su cui dobbiamo lavorare, e la Yamaha riusciva a scaricare meglio la potenza a terra”, ha commentato Andrea Dovizioso in un’intervista riportata da Gpone.com.

A questo punto cosa possono aspettarsi i tifosi della Ducati per questo campionato? E’ possibile immaginare di conquistare il titolo iridato già a partire da quest’anno? “Prima facciamo 5 o 6 gare, non conosciamo questa moto, poi ne parleremo – ha detto il pilota forlivese -. Per il momento penso solo a prendere il massimo dei punti possibili. Credo che saremo competitivi anche ad Austin e i due litri di benzina persi non saranno un problema”. E ovviamente c’è anche Andrea Iannone in lotta per un posto sul podio… “Io e lui andiamo d’accordo. Abbiamo stili diversi e chiediamo cose diverse, ma questo non è un problema quando la moto funziona”.