CONDIVIDI
Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi è deluso per quanto fatto da Yamaha e da sé stesso. Il vantaggio del team di Iwata sembra essersi sbriciolato in un sol colpo. Non c’è più spazio per le scuse, l’emorragia di punti continua. Il Dottore non sale a podio da 3 gare, mentre lo spauracchio Vinales non vince addirittura da 6 Gran Premi, l’ultima sua affermazione, infatti, è datata 21 maggio, quando in seguito allo scivolone nel finale di Rossi riuscì a fare suo il Gran Premio di Francia.

Come riportato da “Il Corriere della Sera”, Valentino Rossi ha così dichiarato: “Francamente pensavo di essere più competitivo. Sabato andavo forte e pensavo di fare almeno un podio. Non si può pensare al titolo se finisci 7°. Stavo tenendo il passo del gruppetto di testa, poi d’improvviso la gomma posteriore ha avuto un calo”.

Pessimismo per Rossi

Il Dottore ha provato anche a dare una spiegazione di questo improvviso calo: “La M1 fa lavorare troppo la posteriore e fatichiamo a finire le gare. Dobbiamo essere più veloci, rovinandola meno. A Jerez e Barcellona le gomme erano devastate, ma ce lo aspettavamo”.

Valentino Rossi ha anche affermato che indubbiamente il nuovo telaio ha permesso alla moto di curvare meglio, anche se i problemi di consumo pneumatici permangono. Quando poi gli si parla di Zarco che ha chiuso davanti alle due Yamaha ufficiali lui risponde: “A me interessa di più che Honda e Ducati ci hanno chiuso davanti”.

La situazione appare davvero critica, tanto che Valentino Rossi ha dichiarato: “Parlare di setting lo vedo inutile. Se dovessi rifare la gara non saprei cosa cambiare. Ducati e Honda hanno lavorato sull’elettronica e hanno fatto uno step in più a noi, dobbiamo raggiungerli, ma non so quanto ci vorrà”.

Antonio Russo

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori