CONDIVIDI
Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Giornata complicata per Valentino Rossi e Yamaha in Qatar. In questo day-2 di test MotoGP a Losail ancora non è stata trovata la chiave di volta. Ha chiuso solamente all’11° posto.

Sicuramente la situazione è meglio che in Thailandia, dove a Buriram i problemi furono maggiori. Però il Dottore non è ancora abbastanza competitivo come vorrebbe. Oggi ha accusato ben 730 millesimi dal leader Andrea Iannone, finendo anche dietro al compagno Maverick Vinales (7° a +0.465) e al pilota clienti Johann Zarco (4° a +0.288).

MotoGP, Qatar Test: il commento di Valentino Rossi

Valentino Rossi al termine della seconda giornata di test MotoGP in Qatar spiegando quanto fatto oggi a Losail: “Come posizione non sono messo benissimo – riporta MotorSport -, però credo che avrei potuto migliorare qualche decimo, perché il realtà il ‘time attack’ non l’ho mai fatto. Ho messo le gomme nuove alla fine, ma avevo una vibrazione sull’anteriore quindi non ho potuto farlo, altrimenti credo che qualche decimino avrei potuto toglierlo”.

Il nove volte campione del mondo non è riuscito a fare il tempo sul giro singolo a causa di un problema all’anteriore, cosa che lo ha ostacolato pure nella ricerca del ritmo: “Ho fatto un buon run di 7-8 giri e il mio passo non era male. Però abbiamo dei problemi con la gomma davanti, perché facciamo fatica ad arrivare alla distanza di gara. Credo che dovremo lavorare sul bilanciamento della moto o su altre cose per cercare di migliorare questa cosa, che è la più grande preoccupazione”.

Il pilota Yamaha ha raccontato pure di aver provato il pneumatico più duro, ma non pare essere la migliore per la M1. Tuttavia, quella media non consente di arrivare fino in fondo e pertanto dovranno insistere sulla mescola più dura, cercando di migliorare le prestazioni. Rimangono anche i problemi di elettronica: “Mi sento bene con questo telaio, la moto ha ora una svolta migliore. Abbiamo un sacco di lavoro sull’elettronica perché perdiamo tempo prezioso nell’accelerare. Soprattutto con le gomme usate abbiamo problemi. Sembra che la concorrenza sia più forte su questo punto. Dobbiamo fare uno sforzo”.

Valentino Rossi su Ducati, Honda e Suzuki

Valentino Rossi in seguito ha parlato degli avversari, facendo riferimento soprattutto alla Ducati ma anche a Suzuki e Honda: “Oggi quello che mi ha fatto più impressione è stato Dovizioso. Lui è molto forte qui in Qatar e la Ducati sembra che vada bene. Però anche Iannone ha fatto il miglior tempo e nelle ultime due ore è stato veloce anche con le gomme usate. Anche Marquez alla fine ha fatto un buon tempo, quindi è difficile dire che sia solo la Ducati ad andare forte. Sembra che Ducati e Honda, ma adesso anche Suzuki, vadano molto bene, quindi dobbiamo lavorare”.

Il 39enne pilota pesarese risponde così sulle sue speranze di vittoria e podio nelle prime gare del campionato: “È difficile da dire. L’anno scorso, Honda e Ducati hanno fatto un grande passo avanti nella seconda parte della stagione. Alla Yamaha, siamo rimasti indietro. Ora siamo vicini. Ma non dobbiamo mollare”.

Nel team Movistar Yamaha c’è tanto lavoro da fare per migliorare le performance. Ducati con Andrea Dovizioso e Honda con Marc Marquez sono gli avversari più tosti, ma in questo momento anche altri piloti vanno più veloci di Rossi stesso e anche di Maverick Vinales. Serve una svolta. Arriverà? Difficile dirlo ora…