CONDIVIDI
Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi non arriva al Gran Premio d’Austria nelle condizioni che sognava. La sua Yamaha è ancora indietro rispetto a Honda e Ducati. Il test di Brno non è servito a fare i passi in avanti sperati.

Il nove volte campione del mondo spera di poter limitare i danni al Red Bull Ring, circuito che sulla carta si presenta poco favorevole. Bisogna considerare anche l’incognita del meteo, dato che alcune previsioni danno pioggia. Bisognerà vedere eventualmente le l’acqua possa limitare il gap dai primi oppure aumentarlo. Ancora non è stato ben testato il livello della M1 in tali condizioni.

MotoGP Austria, Valentino Rossi in conferenza stampa

Valentino Rossi oggi è intervenuto in conferenza stampa per spiegare le proprie impressioni in vista del Gran Premio d’Austria. Queste le sue prime parole: “E’ una pista molto difficile, l’anno scorso è stata una delle gare più difficili per me, non sono mai salito sul podio qui, dobbiamo cercare di fare tutto al massimo, in tutti i piccoli dettagli. Sulla carta non è la miglior pista per noi, soffriremo un po’ più del solito. A Brno ho cercato di salire sul podio, ma gli altri sono stati più veloci di me…”.

Il nove volte campione del mondo conferma che nel test di Brno il team si è impegnato tanto per fare progressi, che però non sono arrivati nonostante le aspettative: “Lunedì abbiamo lavorato tanto, ma non abbiamo trovato niente di meglio di quello che abbiamo, quindi non cambierà molto per noi. Per me il nostro problema è molto chiaro, ma è parecchio tempo che lo diciamo, non è semplice… E’ importante che la Yamaha lavori, abbiamo bisogno di tempo, ma speriamo di migliorare entro la fine della stagione”.

Al pilota Yamaha viene domandato se serva fare un cambiamento radicale di moto o se vada solamente modificata la strategia adottata in Yamaha: “Se sei bravo riesci a dare il massimo con il tuo assetto, credo di aver lavorato bene con il mio team, abbiamo ottenuto il massimo, quindi non so se sia il caso di provare qualcosa di diverso. Dobbiamo ottenere i risultati continuando a lavorare in questa direzione”.

Valentino Rossi conferma anche i problemi con le gomme Michelin, superiori a quando correva con le Bridgestone e si trovava maggiormente a proprio agio: “Adesso le regole sono queste, prima ci si poteva concentrare di più sull’assetto della moto. La differenza in gara sono le gomme. Con le Michelin bisogna gestire le gomme per arrivare alla fine con più gomma”.

Nel test di Brno il Dottore ha avuto modo di provare una nuova carena portata dalla Yamaha, però è una versione che va ancora studiata e che al Red Bull Ring non verrà adottata: “La nuova carena è molto diversa dall’esterno. Brno non è la pista migliore per usarla perché è molto larga e veloce, ma se utilizzi quella carena devi portarla avanti per tutta la stagione, quindi continuerò con quella che ho usato finora per il resto della stagione”.