CONDIVIDI
Marc Marquez Andrea Dovizioso Valentino Rossi
Marc Marquez, Andrea Dovizioso e Valentino Rossi (©Getty Images)

Andrea Dovizioso c’è! E’ lui a trionfare in MotoGP nel Gran Premio del Qatar 2018. A Losail è andato in scena un altro round del suo infinito duello con Marc Marquez. Ancora una volta è stato il pilota Ducati a prevalere.

Il forlivese ha adottato una strategia molto intelligente, risparmiando inizialmente le gomme e poi aumentando il ritmo. Strappo deciso negli ultimi cinque giri, dove ha fatto la selezione. Solamente Marquez e Valentino Rossi hanno tenuto il passo del Dovi. Dopo i diversi podi in Qatar, oggi è arrivata la sua prima vittoria a Losail. Un modo perfetto per cominciare questo campionato 2018.

MotoGP Qatar, la felicità di Dovizioso a Losail

Andrea Dovizioso al termine della gara di Losail ha così parlato della sua vittoria ai microfoni di Sky Sport: “Ringrazio tanto Ducati, il team e tutti coloro che hanno lavorato tanto questo inverno perché abbiamo dimostrato di aver fatto un altro step rispetto all’anno scorso. Siamo riusciti a gestire il weekend e la gara, in condizioni per tutti molto difficili. Siamo arrivati sulle tele, non avevamo più grip dietro”.

Il forte pilota Ducati è molto felice di questa vittoria, che qualcuno pronosticava ma che comunque non è stata affatto semplice: “Sono molto soddisfatto di aver gestito bene un’altra volta l’ultima curva, perché vi garantisco che con Marquez non è mai facile sapere cosa fare. Stavolta l’ha anche chiusa di più, sono dovuto passare sul cordolo interno perché non c’era più spazio. E’ stato bravo, ma sono riuscito a incrociare rimanendo lucido e usando la potenza sul rettilineo per restare davanti”.

Dovizioso racconta la sua strategia di corsa, con un ritmo più controllato all’inizio e poi la sfuriata finale: “La strategia non era quella di partire così indietro (ride, ndr). Però ho visto che Zarco all’inizio andava forte ma non troppo, quindi ho mantenuto la strategia che avevo di salvare le gomme e mi sono preso con calma il tempo per recuperare le posizioni salvando la gomma. Eravamo davvero veloci e mi sono potuto permettere di fare questo. Finché stavamo dietro Zarco tutti salvavamo la gomma. Sono anche arrivato lungo con la strategia, a cinque giri dalla fine. Ho passato Zarco e tentato lo strappo, ma non c’era più gomma. Non sono riuscito a creare gap con Marquez, speravo fosse facile. Lui non molla mai e c’era anche Valentino. ”.

Non sono mancate difficoltà nel corso del GP del Qatar, la vittoria di Andrea oggi è stata un capolavoro: “Non ho potuto aggredire col mio stile, ero troppo lento a centro-curva. Marc è rimasto lì e pensavo che all’ultimo giro mi avrebbe passato alla 6. Poi era attaccato alla penultima curva e ho pensato che ci avrebbe provato all’ultima, non credevo che ci entrasse. E’ stato bravo a chiudere più del solito, però ho incrociato bene e usato i cavalli della Ducati”.

Il 31enne forlivese conclude il suo intervento confermando quanto competitivo fosse a Losail in questo weekend: “Noi eravamo davvero a posto, la nostra moto funziona veramente bene. Io sono in forma ed ero veramente veloce. Dietro Zarco ho gestito, potevo giocare e sorpassare abbastanza agevolmente. Obiettivo Mondiale? Dobbiamo aspettare certe piste per capire di più. Già le prossime due possono essere difficili per le caratteristiche della nostra moto. Sono curioso, non vedo l’ora di fare quelle due gara che ci faranno capire di più il nostro potenziale. Abbiamo confermato che la moto è migliorata e il mix Dovizioso-Ducati è in forma. Per lottare con questi fenomeni bisogna essere a posto su tutto. Serve essere più veloci dove nel 2017 eravamo indietro”

 

Matteo Bellan