CONDIVIDI
Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (©Getty Images)

MotoGP Jerez, Andrea Dovizioso (Ducati): “Podio possibile, abbiamo fatto uno step”

Andrea Dovizioso partirà dalla terza fila nel Gran Premio di Spagna 2018. Nelle qualifiche MotoGP il pilota Ducati non è andato oltre un ottavo tempo. Meglio di lui, stavolta, il compagno Jorge Lorenzo (quarto).

Quella di Jerez non è una pista amica al forlivese, che comunque sta cercando di dare il massimo per poter fare una gara da protagonista domani. Partire un po’ indietro può essere un problema, dovrà essere bravo fin da subito a sbarazzarsi di alcuni colleghi per poi tenere un passo che possa almeno consentirgli di lottare il podio. C’è ancora il warmup per poter sistemare delle cose sulla Desmosedici GP18.

MotoGP Jerez, Dovizioso parla dopo le Qualifiche

Andrea Dovizioso al termine delle Qualifiche MotoGP si è concesso ai microfoni di Sky Sport per commentare una sessione che non lo ha visto agguantare uno dei primissimi posti in griglia: «A parte la posizione, sono particolarmente contento per lo step fatto nel pomeriggio. Dopo la mattinata ci siamo allineati agli altri, ora secondo me possiamo addirittura vedere il podio. Poi Jerez è una gara lunga, al pomeriggio fa molto caldo e si gira più lenti».

Ovviamente il vice-campione del mondo MotoGP 2017 non può essere felice del piazzamento, ma tuttavia mantiene fiducia in vista della gara. Pensa che il podio sia possibile e gli auguriamo di potercela fare. In merito al suo time-attack e alle chance di domani ha spiegato: «Non ho fatto un giro perfetto. Non è il massimo partire in terza fila, ma abbiamo il passo e possiamo dire la nostra anche se non è chiaro il livello degli avversari. Sono comunque molto più sereno di stamattina».

Dovizioso è ottimista e crede che con la Ducati potrà conquistare un buon risultato in gara. Ovviamente non sarà facile. Infatti, ci sono più piloti che sembrano in grado di giocarsela. Dunque è probabile che vedremo gran lotta nelle prime posizioni. Sarà una corsa molto interessante.

 

Matteo Bellan