Davide Brivio
Getty Images

MotoGP, Brivio: “Con Vale e Brivio ci siamo mandati a…”

La prima vittoria di Alex Rins, la seconda di Suzuki dal ritorno in MotoGP, un mix di gioie ed emozioni che ha pervaso Davide Brivio e l’intero team di Hamamatsu. La GSX-RR 2019 è una moto agile e veloce, Rins un pilota dalla guida cinica ma vellutata, capace di preservare le gomme per la seconda parte di gara come pochi altri sanno fare.

Suzuki ha trovato il degno erede di Vinales, forse più. E Davide Brivio ha strappato, per ironia della sorte, una vittoria che sembrava quasi fatta al suo ex pupillo Valentino Rossi. “Ammetto che lottare per la vittoria contro di lui fa un effetto particolare – ha ammesso Brivio a ‘La Gazzetta dello Sport’ -, però poi sul campo tra noi c’è una sana rivalità sportiva, ognuna pensa a sé. Sì, certo, nel dopogara prima ci siamo abbracciati e poi ci siamo mandati a quel paese con Vale, Uccio e tutti i ragazzi della Yamaha con i quali ho passato tanti anni, ma in un modo molto divertente. Però come a Valentino è andata bene tante volte, stavolta invece è stato il nostro giorno, lui credo sappia bene cosa si provi in queste situazioni».

Una gara tiratissima e risoltasi solo all’ultima curva. Ma in realtà la zampata vincente è arrivata a quattro giri dalla bandiera a scacchi, con quel sorpasso di Rins a Valentino che l’ha proiettato irreversibilmente davanti: “Valentino non smette di sorprendere. Io, ma anche tanti altri, ammiriamo la sua voglia e la sua motivazione infinite… Aver lottato così con Vale è stata una grande prova di maturità da parte sua, perché sappiamo tutti quanto sia difficile”. Ma Alex Rins sarà in grado di essere costante e lottare per il titolo mondiale? “Penso che per il campionato sia ancora troppo presto e non valga la pena di parlarne ora – ha aggiunto Davide Brivio -. Adesso si va a Jerez e lì inizierà il campionato vero. Troveremo avversari fortissimi, che sono cresciuti come noi, dovremmo lottare per stare sempre nei primi 5-6 e sfruttare le nostre occasioni. Però vorrei sottolineare una cosa, ovvero come questa vittoria non sia un exploit. Vero, Marquez cadendo ci ha agevolato, ma Alex non si è fatto trovare lì per caso, ormai sta mostrando una grande continuità”.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore