CONDIVIDI
marc marquez motogp honda repsol
Marc Marquez (©Getty Images)

MotoGP, Marquez pronto a sfidare Lorenzo in Honda nel 2019.

La Honda ha deciso di allestire un super team in MotoGP per il biennio 2019-2020. Com’è risaputo, al fianco di Marc Marquez arriverà Jorge Lorenzo. Di fatto la convivenza è già iniziata nei test di Valencia e Jerez, anche se formalmente il maiorchino è ancora sotto contratto con Ducati.

Per il fenomeno di Cervera un compagno decisamente impegnativo, considerando che si tratta di un cinque volte campione del mondo. In totale sono dodici i titoli iridati presenti nel box Repsol, nessun’altro team ne ha tanti. Yamaha è a quota dieci, nove di Valentino Rossi e uno di Maverick Vinales. Ducati e Suzuki ne hanno due a testa (Andrea Dovizioso in 125 e Joan Mir in Moto3). In KTM i due di Johann Zarco in Moto2, in Aprilia nessuno.

-> Se vuoi restare aggiornato su tutte le ultime notizie del Motomondiale CLICCA QUI

MotoGP, Marquez e la sfida con Lorenzo

Marquez, vincitore degli ultimi tre mondiali consecutivi, sarà l’uomo da battere anche nel 2019. Tuttavia, non si sente imbattibile. Presente all’Allianz Junior Motor Camp sul circuito di motocross di Rufea (Lérida), il pilota spagnolo ha dichiarato: «Non sei mai il migliore – riporta Marca -, puoi vincere un anno ma non sei invincibile. Devi imparare dagli errori, devi progredire ed essere sempre con la mentalità che sei un campione ma l’anno successivo la pressione è la stessa o anche di più perché non puoi vincere sempre e ci sono 24 piloti sulla griglia di partenza che vogliono vincere».

Il sette volte campione del mondo sa di avere rivali desiderosi di batterlo e non è appagato dalle vittorie già conquistate. Ha sempre voglia di migliorarsi e di superare nuove sfide. Per i prossimi due anni dovrà sconfiggere anche un compagno di squadra come Lorenzo. A proposito di Jorge ha detto: «Il compagno di squadra è il primo rivale, ma cercherò di imparare da lui e lui imparerà anche da me. E’ un cinque volte campione del mondo e questo dice tutto. Andrà veloce e l’adattamento alla moto mi sembra essere essere buono».

Il maiorchino ha vissuto due anni importati in Ducati e dunque può portare informazioni interessanti in Honda. Utili anche allo stesso Marquez, che si aspetta un rapporto collaborativo e di sana competizione con Lorenzo: «Abbiamo già parlato e abbiamo fatto commenti sulla moto, su ciò che è meglio e peggio. La rivalità deve rimanere in pista, con Pedrosa è successa la stessa cosa e così dovrebbe essere».

I due piloti hanno avuto modo di confrontarsi e condividono gli aspetti da migliorare sulla RC213V. Intervistato anche da Sky Sport, il fenomeno di Cervera ha ribadito: «Per entrambi il punto debole della Honda è lo stesso, questo è importante anche per il lavoro del team. Bisogna intervenire sull’aerodinamica e sull’uscita di curva, dove facciamo un po’ più di fatica».

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori