CONDIVIDI
Valentino Rossi e Marc Marquez
Valentino Rossi e Marc Marquez (©Getty Images)

Pons, Baldassari e Barberà dicono la loro sulla vicenda Marquez-Rossi

Il team Pons è raggiante. La vittoria dell’italiano a Jerez in Moto2 ha ravvivato l’ambiente. Il due volte campione in 250 ha dichiarato “Questa stagione è iniziata molto bene. Abbiamo la coppia di piloti ideale per fare il massimo. A Jerez abbiamo vissuto una grande giornata. Con Ettore la speranza è che l’adattamento sia veloce chissà come sta dimostrando”.’Balda’ è visto come un candidato per il titolo, anche se con relativa cautela visto che siamo solamente all’inizio della stagione. “Abbiamo iniziato molto bene, Jerez è stato perfetto, dobbiamo continuare su questa strada”. Sito Pons, Baldassari e Barberà hanno anche parlato delle ultime polemiche in MotoGP: il tocco di Márquez-Rossi in Argentina e la carambola Lorenzo-Pedrosa-Dovizioso a Jerez. Sito ha espresso la sua opinione: “In questo sport è implicito il rischio e la necessità di avere rispetto tra i piloti. Un pilota potrebbe causare un grave incidente, il rispetto per i tuoi avversari non dovrebbe mai essere perso, è la linea rossa che non deve mai essere oltrepassata. Ci sono incidenti involontari, come quello di Jerez tra Pedrosa, Lorenzo e Dovizioso. Queste sono cose che, a volte, accadono nelle gare.

Rossi-Marquez, ci vogliono penalizzazioni severe

Ma ce ne sono altri che possono essere evitati e questi sono i motivi per cui dovremmo essere più preoccupati e rendere il regolamento più severo. E i piloti che non rispettano questi limiti di rispetto per i loro rivali dovrebbero essere penalizzati severamente “, ha detto. Baldasarri, proveniente dall’Academy di Valentino Rossi, ha chiesto mano ferma. “Lo condivido, essere aggressivo e al limite va bene, ma superare questo limite ed essere troppo aggressivi e fare qualcosa che è troppo pericoloso deve essere penalizzato più severamente, in maniera rigorosa”. Barberá ha concluso: “È uno sport rischioso, in altri c’è contatto, ma nel motociclismo è molto diverso. È vero che ci sono azioni in cui vai in curva e sai che stai per toccare e rilasciare il freno, è lì che devi sanzionare. La questione tra Marquez e Rossi è di due anni fa ed è successo di nuovo. Penso che abbiano oltrepassato il limite. Entrambi non hanno rispetto dell’altro, il resto dei piloti invece non è in questa situazione”