CONDIVIDI
Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (©Getty Images)

Andrea Dovizioso scatterà dalla prima fila nel Gran Premio d’Austria 2018. Sfumata solo per due millesimi la pole position, conquistata dal rivale Marc Marquez. Domani in gara probabile duello tra loro, come nel 2017. Terzo incomodo annunciato Jorge Lorenzo.

La Ducati va forte al Red Bull, cosa che si era già visto negli scorsi due anni e che si è confermata in questo weekend. Fatto testimoniato pure dal quarto posto nelle Qualifiche MotoGP di Danilo Petrucci con la Desmosedici GP18 del team clienti Pramac. Quella di domani sarà una gara molto interessante. E il Dovi sarà davanti a giocarsela.

MotoGP Austria, Qualifiche: parla Dovizioso

Andrea Dovizioso si è concesso ai microfoni di Sky Sport MotoGP dopo le Qualifiche del Gran Premio d’Austria 2018. Queste le sue prime dichiarazioni: «Mi spiace perché l’orologio l’avrei regalato ai meccanici e sono un po’ arrabbiato (ride, ndr). La seconda posizione va benissimo, la prima fila va sempre bene ed è un grande vantaggio in MotoGP oggi. Non mi aspettavo di fare questo tempo, perché in FP4 non mi sentivo benissimo. Abbiamo trovato condizioni particolari, che abbiamo trovato in qualifica e che non avremo in gara. Gran bel tempo in qualifica, con la media».

Al pilota Ducati viene chiesto proprio dell’utilizzo della gomma media, preferita alla morbida, per fare il giro veloce: «L’anno scorso abbiamo trovato condizioni particolari e aveva un senso usare la media, dato che abbiamo studiato bene. E ha funzionato. Quest’anno ha funzionato bene la prima gomma e sapevo di poter fare meglio, però poi non so se la morbida sarebbe stata meglio. La pista è cambiata abbastanza dalla FP4 alla qualifica. Gran bel tempo. Morbida e media sono le gomme della gara, siamo veloci con tutte e due. Dura assolutamente no per la gara».

A Dovizioso viene ricordato che Marc Marquez nei vari turni lo ha più volte osservato da vicino, seguendolo per studiarlo meglio e capire cosa magari poter migliorare: «Io non ho visto come guida. E’ più forte dell’anno scorso, ma anche noi qua. Lui particolarmente e credo ci conti particolarmente a vincere in questa pista qui. Sarà dura domani batterlo. ».

Infine si parla della possibilità che Jorge Lorenzo possa dare la sua celebre sfuriata iniziale cercando di imporre il suo ritmo e andare via: «Il tema del degrado gomma c’è per forza. Che poi Lorenzo possa fare la sparata iniziale è probabile. In questo momento del campionato per me è un po’ complicato combattere per la gara, perché spesso mi trovo un Marquez che ragiona come me e cerca di gestire le gomme, mentre a Jorge piace fare la sparata iniziale. Sono due cose opposte e bisogna essere pronti sempre».

 

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori