CONDIVIDI
Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (©Getty Images)

Andrea Dovizioso ha stampato il miglior tempo nella prima giornata di Prove Libere MotoGP in Austria. Il crono è stato realizzato in FP1, quando le condizioni meteo erano buone. Nella FP2, chiusa al quinto posto, c’è stata pioggia e il migliore è stato Marc Marquez.

Ducati sull’asciutto ha confermato di essere forte al Red Bull Ring. Infatti nella prima sessione di libere c’erano tre Desmosedici GP18 davanti. Dovizioso ha preceduto i colleghi Jorge Lorenzo e Danilo Petrucci. Ma va detto che Marquez, quarto, non aveva fatto il time-attack. Attenzione, dunque, allo spagnolo. Domani dovrebbe esserci ancora della pioggia, ma per domenica le previsioni mettono sole.

MotoGP Austria, Prove Libere: parla Dovizioso

Andrea Dovizioso al termine delle Prove Libere ha parlato ai microfoni di Sky MotoGP. Queste le sue parole dopo la giornata di lavoro in Austria: «La moto si è comportata molto bene sul bagnato. C’era tanto vento e abbiamo usato tutti le morbide, che difficilmente si potranno usare in gara. La moto funzionava benissimo, non abbiamo spinto per non prendere dei rischi. C’era un dubbio legato alle cadute della Moto2 di un anno fa, ma le gomme hanno funzionato bene».

Al forlivese viene chiesto del fatto di essere stato subito rapido al Red Bull Ring e lui ha spiegato le ragioni di questa competitività immediata: «Quando sei andato forte la gara prima, parti già bene in quella dopo perché non si stravolge il setup e la base rimane quella. Poi magari ci si adatta al tipo di pista, ma piccoli cambiamenti. Sarebbe stato anomalo se fosse andata diversamente. Poi questa è una pista dove la nostra moto va molto bene. Ci sono tante staccate e riesco ad adattarmi velocemente».

Dovizioso viene infine interpellato sul ritmo gara, con la sua Ducati che deve fare i conti con quella di Jorge Lorenzo e la Honda di Marc Marquez: «Abbiamo fatto solamente un turno asciutto e per ora siamo io, Lorenzo e Marquez con un passo già veloce. Poi vedremo. Qualifiche bagnate? E’ più complicato sul bagnato, è più facile commettere errore. Oggi siamo andati bene con le morbide. Non penso troveremo tanta acqua in pista nei prossimi due giorni».

 

Matteo Bellan