CONDIVIDI
Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (©Getty Images)

Andrea Dovizioso ha dovuto accontentarsi del terzo posto nel Gran Premio d’Austria 2018. Sicuramente deluso il pilota forlivese, che contava di giocarsi la vittoria fino all’ultimo.

E’ stato lì con Jorge Lorenzo e Marc Marquez per buona parte della gara, ma ad un certo punto ha sofferto a livello di gomme. Aveva scelto la doppia media e forse non è stata la scelta migliore. Il compagno ha scelto le morbide, mentre il pilota Honda le dure. Tutte scelte diverse, ma il Dovi con la sua Ducati non è riuscito a giocarsela fino in fondo. Pesa anche un lungo che gli ha fatto perdere diversi metri.

MotoGP Austria, Dovizioso nel post-gara

Andrea Dovizioso al termine della gara in Austria ha parlato ai microfoni di Sky Sport MotoGP: «All’inizio non ero preoccupato, Marquez non stava andando via. A metà gara volevo passare Jorge, ci ho messo un sacco di giri a provarci ma non ci sono mai riuscito. Perché stacca forte e rallenta molto in centro curva. Quello mi ha fatto consumare troppo gomma e mi ha fatto mollare troppo presto, a 10 giri dalla fine. Peccato, credevo fossimo a posto. Purtroppo quando in prova non fai tot giri poi non puoi sapere qual è la scelta migliore per la gomma. Eravamo in tre con tre gomme diverse e sembra che noi l’abbiamo pagata di più. Non so se è una questione di media o di altro. Non me l’aspettavo, peccato».

Al pilota Ducati viene domandato se il lungo abbia pesato, dato che ha perso tanti metri da Lorenzo e Marquez in quell’occasione e poi recuperare era complicato: «Un po’, ma sinceramente perdevo troppo in almeno due curve. Non riuscivo neanche ad attaccare più Jorge. Quando finisci le gomme così, non riesci più a raccordare bene le curve. Peccato, perché se fossi stato davanti negli ultimi giri avrei potuto frenare forte. Ma oggi non riuscivo a passare Jorge».

Infine Dovizioso cerca di guardare il bicchiere mezzo pieno di questo terzo podio che comunque gli lascia dell’amarezza: «Alla fine un altro podio, punti importanti e siamo arrivati lì con loro. C’è il lato positivo quando fai queste prestazioni. Sicuramente non è andata come speravamo e potevamo fare meglio. Possiamo capire ulteriori dettagli per gestire tutto meglio».