CONDIVIDI
Jorge Lorenzo Andrea Dovizioso
Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso (©Getty Images)

MotoGP Ducati, Andrea Dovizioso: “Lorenzo non voleva farmi passare, rallentava”

Il Gran Premio di Spagna 2018 poteva essere qualcosa di molto positivo per Ducati, con due piloti sul podio in una pista solitamente ostica per la Desmosedici. Invece, si è trasformata in un incubo.

Come sappiamo, c’è stato un rocambolesco incidente che ha coinvolto Jorge Lorenzo, Dani Pedrosa e Andrea Dovizioso. Quello che ha meno responsabilità di tutti, anzi non ne ha proprio, è sicuramente il forlivese. Quest’ultimo, infatti, si è visto arrivare addosso il compagno di squadra dopo il contatto con il pilota Honda. Secondo il vice-campione del mondo MotoGP 2017, i due colleghi avrebbero dovuto gestire meglio quella situazione. Un danno per tutti, ma soprattutto per lui che si gioca il titolo.

MotoGP Ducati, Dovizioso commenta Lorenzo su Jerez

Andrea Dovizioso ha avuto modo di rivedere più volte le immagini dell’episodio e ovviamente è arrabbiato. A Jerez, pista a lui non amica, stava per ottenere un grande risultato e tutto è andato in frantumi per responsabilità non sue. Nel post-gara in Spagna ha fatto intendere il proprio stato d’animo, anche se non ha voluto spendere parole troppo dure verso i colleghi coinvolti nell’incidente.

Tuttavia, dalle dichiarazioni di Dovizioso si evince un certo fastidio per la condotta di Jorge Lorenzo. A suo avviso il maiorchino avrebbe dovuto controllare meglio la situazione, andando così ad evitare il decisivo impatto con Dani Pedrosa. Il forlivese si è sentito anche ‘frenato’ dal modo di guidare del compagno, cosa che ha favorito Marc Marquez nella sua fuga vincente.

Queste le parole di Dovizioso, riprese da Motorsport e Marca, in merito alla condotta di gara del suo teammate: «Non voleva lasciarmi passare, ha rallentato per chiudermi la porta. Non potevo riprendere Marquez, avevo perso troppo tempo dietro Jorge. Lorenzo era veloce, ma troppo lento in centro-curva. Lottava troppo con l’anteriore, penso non volesse lasciarmi passare e rallentava troppo in mezzo alla curva. Per questo ho perso tempo rispetto a Marquez, perché Jorge stava lottando e rallentava per chiudere la porta. Ho fatto dieci giri per cercare di superarlo, non volevo sbagliare. Fossi stato dietro a Marc, quando stavo spingendo, forse avrei potuto raggiungerlo».

 

Matteo Bellan