CONDIVIDI
Enea Bastianini
Enea Bastianini

I test di Moto2 e Moto3 si sono chiusi all’insegna del maltempo che ha rallentato fortemente la terza giornata. Adesso tutti in volo verso Losail dove fra otto giorni inizierà il Motomondiale 2018. I nostri piloti italiani hanno brillato nell’ultima sessione di prove ufficiali e annunciano l’assalto al titolo iridato.

In Moto3 spicca Enea Bastianini che nella classifica combinata è secondo alle spalle di Jorge Martin. Il pilota del team Leopard Racing, in sella alla Honda NSF250RW, ha mostrato un passo veloce e costante, gravitando sempre nelle primissime posizioni della classifica dei tempi. “Sono contento perché mi sono trovato subito a mio agio con la moto, così come accaduto sempre qui il mese scorso – ha dichiarato il pilota di Rimini -. Siamo migliorati sull’anteriore facendo un piccolo step in avanti. Non abbiamo cercato il tempo poiché la pista non era in condizioni ideali: abbiamo invece utilizzato molto le gomme usate e effettuato dei long run: ho avuto ottimi riscontri dalla moto e ci siamo dimostrati costanti. Il rapporto con la squadra va a gonfie vele, hanno un metodo di lavoro che mi piace molto e mi sono adattato in fretta. Christian [Lundberg] è in gamba, consapevole di quello che fa, e soprattutto… ha sempre un asso nella manica!”.

Il suo coetaneo e connazionale, Lorenzo Dalla Porta, ha messo a segno un totale di 34 giri, riportando un high-side nel day-2 fortunatamente senza conseguenze. Il talento di Prato lascia Jerez con il 9° nella classifica combinata: “Sono stati dei test molto produttivi da un lato, e non molto soddisfacenti dall’altro: sono caduto mentre stavo spingendo per fare il tempo. Mi dispiace per non esser riuscito a dimostrare di più ma allo stesso tempo sono consapevole del potenziale molto alto, saremmo potuti tranquillamente essere nella Top3 in questi test. Sono soddisfatto della moto, siamo riusciti a trovare un buon setting anche in configurazione gara girando con la gomma usata. L’obiettivo è fare bene in Qatar”.

Buona prova anche quella di Fabio Di Giannantonio (Del Conca Gresini Moto3) che chiude al quarto posto con un gap di 6 decimi dal best lap del compagno di squadra Jorge Martin. “Non è stato un test fortunatissimo vista la pioggia del primo e del terzo giorno, ma posso comunque dire che le sensazioni con motore e telaio sono state molto positive. Abbiamo provato moltissime cose e quasi tutte sono risultate essere davvero interessanti. Siamo scesi in pista soprattutto ieri con gomme morbide e medie e siamo sempre riusciti a migliorarci sia sul giro secco che sul ritmo di gara. Abbiamo lavorato per migliorare il feeling sull’anteriore, sul posteriore soprattutto nei curvoni veloci e con il freno motore, che forse è l’unico aspetto del nuovo motore che ancora non mi convince”.

Marco Bezzecchi

Marco Bezzecchi del team Pruestel GP, al suo secondo anno in Moto3, sorprende le aspettative piazzandosi quinto. “Non è stato il test migliore, perché il tempo non ha funzionato. Tuttavia, abbiamo fatto progressi e siamo pronti – ha detto il pilota romagnolo a Speedweek.com -. In Qatar dobbiamo ancora lavorare sul mio stile di guida, perché devo adattarlo ancora meglio alla KTM. Devo ancora guidare in stile stop-and-go per sfruttare al meglio il potere di KTM. È difficile, ma sto ancora imparando. Dobbiamo anche migliorare leggermente la moto per quanto riguarda il freno motore. Ma stiamo andando bene”.

Niccolò Antonelli ha iniziato bene la preseason con il suo nuovo team SIC58 Squadra Corse e lascia la terra andalusa al 7° posto. “Non ho girato molto, purtroppo il tempo è stato inclemente, ma alla fine ho chiuso con un buon 7° tempo, dei tre giorni non male dai. Mi porto dietro un buon feedback in Qatar anche perchè la pista mi piace. Devo ancora scoprire questa moto, ci siamo appena presentati, ora dobbiamo conoscerci sempre meglio”.

Andrea Migno

Undicesima piazza per Andrea Migno del team Angel Nieto: “Abbiamo goduto di un’ottima pre-stagione in generale, anche se le nostre ambizioni sono alte e sappiamo che abbiamo ancora bisogno di un po’ per combattere costantemente per le posizioni top. In Qatar continueremo a dare il nostro meglio per trovarlo e per essere tra i migliori – ha sottolineato il pilota della VR46 Academy -. La cosa positiva è che durante questa pre-stagione abbiamo lavorato in tutte le condizioni possibili. Non vedo l’ora di iniziare la stagione, e soprattutto su un circuito che mi piace. ” ”

Dopo la caduta di ieri Nicolò Bulega (Sky Racing Team VR46) accusa un ritardo di 1,441″ dal vertice, ma resta un ampio margine di miglioramento in vista del week-end di gara. “Oggi ho fatto una simulazione di gara sul bagnato. Rispetto allo scorso test, mi sono sentito più a mio agio, possiamo ancora fare qualcosa per avere migliori sensazioni sulla moto e spero di fare un altro step per il Qatar”. 20° crono per il rookie e compagno di squadra Dennis Foggia.

Soltanto 25esimo Tony Arbolino del team Marinelli Snipers che ha focalizzato l’attenzione sulla messa a punto del nuovo motore. Ci sarebbe stato bisogno di più tempo per capirlo, ma purtroppo il meteo non è stato clemente e si dovrà proseguire la messa a punto a Losail, nelle prime libere. “Qua a Jerez è arrivato il nuovo motore Honda e ci siamo messi subito al lavoro, concentrandoci soprattutto sul freno motore. Il meteo non ci ha aiutati molto, avremmo avuto bisogno di sfruttare tutte e 3 le giornate per configurare al meglio il tutto. Ho comunque potuto testarmi sia sull’asciutto che sul bagnato, per essere pronto a qualsiasi condizione meteo. Andiamo in Qatar consapevoli che dovremmo sfruttare al meglio i primi turni di libere per trovarci pronti per la gara. Non vedo l’ora”.