CONDIVIDI
Piero Taramasso
©Getty Images

Il circuito di Catalunya è stato completamente riasfaltato durante la pausa invernale, ma non sarà un salto nel vuoto per i tecnici Michelin e buona parte dei team della classe regina che qualche settimana fa hanno effettuato dei test. Il layout è tornato al vecchio disegno con l’eliminazione della chicane in stile F1, dopo i lavori per aumentare le vie di fuga.

Inizialmente il fornitore francese di pneumatici aveva chiesto a Dorna di poter portare 4 mescole differenti, ma dopo i test è tornato alle 3 gomme standard, con slick anteriori simmetriche e le posteriori asimmetriche, con il lato destro più duro. Stessa costruzione anche per gli pneumatici da bagnato, proposti nelle mescole soft e medium. “Catalunya era un’altra traccia di cui avevamo poca conoscenza su cosa aspettarci quando abbiamo fatto il piano per l’assegnazione delle gomme prima che la stagione fosse iniziata. Il test recente che abbiamo avuto lì – che
ha caratterizzato quasi tutto il settore MotoGP – ha cambiato questo e ci ha dato un piano chiaro – ha spiegato Piero Taramasso -. Questo ci ha permesso di prendere una decisione su quali gomme dobbiamo portare per far fronte alla nuova superficie e
disposizione. È stato un test molto positivo e i piloti hanno dato dei buoni feedback, che ci hanno permesso di scegliere i composti specifici che sono idealmente abbinati al nuovo asfalto. I tempi erano molto veloci, anche se li stavamo confrontando con il vecchio layout, quindi prevediamo alcuni giri molto veloci questo fine settimana. Questo è sempre uno dei migliori eventi della stagione e la pista regala delle corse elettrizzanti, quindi speriamo di poter giocare un ruolo importante in questo spettacolo e
fornire ai piloti le gomme ottimali per offrire loro le migliori prestazioni possibili”.