CONDIVIDI
Franco Morbidelli
Franco Morbidelli (©Getty Images)

Dalla stagione 2018 farà il suo esordio in MotoGP un altro pilota italiano, Franco Morbidelli, campione in carica di Moto2 che correrà con il team Marc VDS. Il team manager Michael Bartholemy è pienamente soddisfatto di poter contare su un giovane fuoriclasse che ha un alto potenziale di crescita.

Bartholemy avrebbe gradito mantenere nel team anche il giovane Jack Miller, ma alcune incomprensioni con la fabbrica Honda hanno spinto l’australiano a tentare una nuova avventura con il team Pramac Racing. Su Morbidelli non ha mai avuto dubbi, tanto da ingaggiarlo in MotoGP ancor prima della sua conquista del titolo mondiale. “Ha un grande talento. Certamente, è il pilota più talentuoso con cui abbia lavorato dopo Nakano – ha detto a Motorsport.com -. Sappiamo che il talento da solo non basta, quindi devono esserci anche un duro lavoro ed una buona squadra per ottenere dei risultati. Ma è la cosa più importante che serve per essere un pilota di successo, e lui lo ha. Tocca a noi mettergli a disposizione una moto in grado di permettergli di esprimersi come ha fatto l’anno scorso”.

Inizialmente il ‘Morbido’ era un po’ timoroso di entrare nel team di Michael Bartholemy, ma si è subito instaurato un perfetto feeling sia dal punto di vista tecnico che umano. “Quando sono entrato a far parte di questa squadra, ho avuto un po’ paura di Michael, perché sentivo di dovergli dimostrare di aver fatto la scelta giusta” ha detto l’allievo della VR46 Academy. “Quindi sentivo una certa pressione nei suoi confronti, ma la verità è che ero solo io a mettermela, perché lui è sempre stato molto gentile con me e cercava di calmarmi”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori