CONDIVIDI

MotoGP, Max Biaggi: “Ducati ha fatto un grosso errore con Lorenzo”

Max Biaggi vive in attesa che la Dorna gli conceda un posto nel mondiale Moto3 nel 2019. La decisione sarà presa nelle prossime settimane e l’ex campione ha intenzione di portare Marc Garcia,  che ora compete con la squadra romana nella FIM CEV Moto3 con una KTM, nel Motomondiale.

Max Biaggi è amico di Jorge Lorenzo da molti anni, tanto che fu tentato dall’essere suo coach in pista. Si dice soddisfatto per la sua decisione di lasciare Ducati per passare in Honda e confessa di non aver mai visto di buon occhio il matrimonio tra il maiorchino e Borgo Panigale. “Ho creduto poco in questo matrimonio fin dal primo momento. Poi ho visto che Jorge ci ha creduto molto – ha detto il Corsaro al ‘Marca -. Alla fine è iniziato ad andare bene, ma non ha il passo per l’ intera gara. Penso che sia uno di quegli amori che o nascono subito o niente. Ma è successo anche a Rossi, anche se era una moto in un momento diverso. Ma quando si dispone di uno stile Yamaha così facile è difficile cambiare per una moto differente. Ovviamente, la cosa più importante è che sia Jorge che Valentino non devono dimostrare di essere campioni. Questo è indiscutibile. Spero che abbia un’altra possibilità di dimostrare la sua velocità. Dico questo per tutti i fan della MotoGP nel mondo, non per me, ma per tutti coloro che amano la moto. La Ducati ha commesso un enorme errore nel farselo sfuggire”.

Mx dà per scontato che l’amico Jorge lotterà per il titolo iridato nella stagione 2019. “Tutti i piloti vogliono, dopo una brutta stagione, avere ciò che possono avere: essere nelle prime posizioni, penso che avrà quel desiderio. Ad ogni modo, ogni anno tutto diventa più complicato in MotoGP, ha solo 31 anni, è piuttosto giovane. Penso che certamente il prossimo anno Repsol Honda sarà la squadra più forte”. Ma sarà un’impresa non facile l’assalto al titolo, perchè Marc Marquez resta un osso molto duro.

Max Biaggi è stato nominato ambasciatore Aprilia e sa bene che il cammino di Noale in MotoGP sarà ancora lungo e tortuoso: “E’ difficile perché ogni anno i tre più forti, Honda, Yamaha e Ducati, aumentano un po’ il livello, in modo che coloro che li stanno seguendo, Aprilia e KTM, perché sono entrati MotoGP dopo, hanno una missione più difficile. Inoltre in questo momento, ci sono molte squadre moto satellite, che sono forti perché sono dell’anno scorso. Per KTM e Aprilia diventa più difficile… ma la cosa importante è avere il ritmo”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori