CONDIVIDI
Maverick Vinales MotoGP Test Thailand
Maverick Vinales (©Getty Images)

Non sono giorni di test MotoGP facili per la Yamaha in Thailandia. Sia per Maverick Vinales che per Valentino Rossi le difficoltà non mancano a Buriram. Sulla M1 2018 non sono stati risolti tutti i problemi riscontrati l’anno scorso.

In particolare, il cruccio per il team Movistar è l’elettronica. Rispetto a Honda e Ducati c’è maggiore fatica nel lavorare con la centralina unica Magneti Marelli. Sulla pista thailandese è importante avere una buona accelerazione, dunque a livello di elettronica bisogna essere a posto. Pare che Vinales verso la fine del secondo giorno di test MotoGP a Buriram, chiuso al 4° posto a 3 decimi dal leader Marc Marquez, abbia compiuto un passo in avanti significativo.

MotoGP, Thailandia Test: parla Maverick Vinales

Dopo essere stato indietro (così come Valentino Rossi, 14° alla fine) per buona parte della sessione, lo spagnolo e il suo team hanno trovato una soluzione che consentisse di essere più veloci. Maverick Vinales ha rifilato circa 6 decimi al compagno di squadra, non pochi.

Il pilota di Figueres, ripreso da Motorsport.com, ha così commentato il Day-2 di Buriram: “Nell’ultima mezz’ora abbiamo fatto un passo avanti, ma non avevamo perso l’intera giornata. Potrebbe essere stato più facile di quanto pensassimo, alla fine abbiamo messo l’elettronica in Malesia. Ci dobbiamo lavorare e domani dovremo adattarla al mio stile”.

Il terzo classificato dell’ultimo campionato mondiale MotoGP spiega che in casa Yamaha sono tornati alla soluzione elettronica adottata nel test di Sepang. Ovviamente serve affinare tutto al meglio per sfruttare le qualità del pilota e della moto stessa.

C’è comunque un altro problema avuto oggi. Il team Movistar ha lavorato al fine di preservare meglio le gomme, così da evitare una usura eccessiva. Ma sono state fatte scelte troppo conservative. Vinales ha spiegato: “Penso che abbiamo ammorbidito troppo la moto, questo è il problema. Abbiamo avuto così tanta morbidezza che abbiamo a mala pena consumato la gomma. Scarichiamo la potenza in maniera troppo morbida e per me va bene una soluzione più aggressiva”.

Domani ci sarà l’ultimo giorno di test in Thailandia, nel box di Vinales bisognerà confermare i passi in avanti in termini di elettronica e lavorare sull’assetto della moto. Non è chiaro se le soluzioni trovate dal suo team possano eventualmente essere adottate anche da Valentino Rossi e Johann Zarco: “Non so se Valentino e io stiamo cercando due modi diversi, sembra che il mio stile di guida sia diverso. Quello che sto cercando di fare è di avere una moto che funziona bene per me, la mia guida è diversa da Valentino o Johann. Se voglio vincere il titolo devo avere una moto di mio gradimento”.

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori