CONDIVIDI
Maverick Vinales
Maverick Vinales (©Getty Images)

Maverick Vinales non può dirsi soddisfatto di questo secondo giorno di test MotoGP 2018 in Qatar. Un anno fa di questi tempi a Losail volava, adesso fatica. E non si spiega il perché di un cambiamento così radicale. Oggi ha chiuso settimo a 465 millesimi da Andrea Iannone.

In Yamaha non stanno risolvendo tutti i problemi, nonostante il grande lavoro svolto. Appena sembra di aver fatto un passo avanti su un aspetto spuntano altre problematiche. E’ una situazione complessa. In ambito di elettronica ci sono molte difficoltà, rispetto a Ducati e Honda per esempio. Tutti i progressi attesi non arrivano, anche se il pilota di Figueres cerca di essere ottimista.

MotoGP, Qatar Test: l’opinione di Maverick Vinales

Maverick Vinales ai microfoni di Marca ha fatto il resoconto su questo secondo giorno di test MotoGP a Losail: “Abbiamo provato molte cose. Rispetto a ieri abbiamo perso un po’ di grip. È la stessa sensazione di ogni test. Dobbiamo lavorare ancora più duramente. È vero che siamo migliorati con il ritmo, ma nel mio tentativo di giro veloce non mi sentivo bene come ieri e non ho potuto migliorare molto. Domani proveremo, almeno, a fare un long run. Vedremo come funziona la moto con il serbatoio pieno”.

Lo spagnolo spiega che la sua Yamaha va migliorata in praticamente tutti i settori: “Ho bisogno di migliorare un p’ in tutte le aree. Perdiamo molto in accelerazione, non mi sentivo molto bene lì, la moto pattina molto e l’elettronica agisce. Dobbiamo migliorare domani. Sono migliorato in qualcosa, ma perdiamo molto in tutte le aree. Dobbiamo svegliarci, in tempo stringe e la gara sta arrivando. Resto positivo e lavoro intensamente, solo questo può portarci lontano”.

Vinales conferma che la situazione attuale è molto diversa da quella del 2017: “Non siamo nemmeno vicini al nostro livello l’anno scorso in Qatar. Dobbiamo migliorare l’elettronica e l’aderenza sulla ruota posteriore. Quindi abbiamo molto lavoro da fare sabato. Questo vale soprattutto per le lunghe percorrenze, perché le gomme si deteriorano molto velocemente”.

 

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori