CONDIVIDI
photo Twitter

La debacle Yamaha sta tutta nell’impossibilità di Maverick Vinales di accedere alla Q2. Nel suo Gran premio di casa partirà dalla tredicesima piazza, ma con il penalty di Pol Espargarò potrà posizionarsi sulla 12esima finestra in griglia.

Viñales è stato un secondo più lento rispetto al suo primo test Yamaha a Valencia. A dimostrazione dei passi indietro compiuti dai tecnici di Iwata nello sviluppo della moto nel corso dei mesi. “Non so dare spiegazioni, meglio chiedere a Yamaha”, chiosa lo spagnolo al termine del sabato di Valencia. Il malumore è più che palpabile nel box #25: “Siamo sulla strada sbagliata e abbiamo un allineamento sbagliato… I problemi sono aumentati con l’avanzare della stagione. Dal primo posto nei test è caduto in 20esima posizione nelle FP4. Sono molto frustrato. Credo che anche la squadra sia molto frustrata”.

Nonostante il terzo posto finale in classifica ormai blindato non c’è nulla di cui sorridere in casa Yamaha. Stamane la M1 si allargava troppo in curva e faticava in frenata. “La trazione è buona, ma il problema è in frenata. La macchina è molto difficile da fermare. Appena mi appoggio alla moto in curva non gira. Questa è la difficoltà – ha sottolineato il pilota di Figueres -. Era meglio su alcuni percorsi, ma qui era impossibile”.

Da qui a febbraio ci sarà tanto lavoro da fare in fabbrica e prima dei test di Sepang sarà impossibile provare il prototipo 2018. “Qui sono venuto con grande motivazione, forte come sempre. Se la moto lo permette, sono al top 3. Voglio raggiungere un ottimo risultato – ha aggiunto Maverick Vinales -, perché è l’ultima gara della stagione. Essere così indietro non è normale”. La prossima settimana nei test di Valencia ci saranno alcuni piccoli aggiornamenti, ma nulla di rivoluzionario. “Dobbiamo cambiare qualcosa, perché non funziona. Siamo stati qui per due giorni, abbiamo provato tutto, quindi spero in altre soluzioni… Non puoi trovare due secondi attraverso una semplice modifica del set-up”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori