CONDIVIDI
Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

MotoGP | Maurizio Bruscolini commenta lo scontro tra Marc Marquez e Valentino Rossi in Argentina

L’ennesimo scontro tra Marc Marquez e Valentino Rossi a Rio Hondo diventa il fulcro della puntata di ‘Paddock’ andata in onda martedì 10 aprile. Maurizio Bruscolini ha messo in rilievo lo scontro vigente nel paddock tra il “clan di Valentino” e il “clan di Marquez” che si combatte non solo in pista ma anche fuori.

Il giornalista pesarese ha evidenziato quanto sia stato inopportuno l’intervento di Alessio Salucci all’arrivo di Marc Marquez nel box Yamaha nel tentativo di chiedere scusa al Dottore per quel contatto a tre giri dal traguardo. “I problemi della Yamaha sono venuti fuori. Nel box della Yamaha comanda Tavullia. Pare che Uccio stavolta l’abbia fatta fuori dal vaso e a Iwata avrebbero detto “Adesso basta, un altro errore di questi e tu nel box non ci stai più”… Domenica un clan ha cercato di predominare su un altro clan e il clan perdente sta scalciando, è una storia incredibile quella che stiamo vivendo… All’interno del paddock c’è un clan che ha comandato per gli ultimi 15 anni, un altro clan è cresciuto e probabilmente andrà a comandare ed il clan perdente non accetta questa cosa. E’ una guerra all’ultima staccata che non si fa solo in pista”.

I sorpassi di Rossi e il “vero volto”

La caduta di Valentino Rossi viene ridimensionata nel corso del programma, considerando alcune manovre al limite del campione di Tavullia passate negli annali di storia. “Qui per anni si è fatto finta di nulla. Nel 2005 è entrato su Gibernau (GP Jerez, ndr), poi in seguito ne ha fatte altre e tutti a dire “Quant’è bravo” e “Quant’è forte”. I giornalisti hanno esaltato delle cose che non erano regolari – ha aggiunto Maurizio Bruscolini -. Il sorpasso di Laguna Seca a Stoner non era regolare, è andato fuori pista. I signori della Dorna hanno avallato certe situazioni che hanno portato a questo e chi semina vento raccoglie tempesta”.

Sulle dichiarazioni post gara di Rossi il giornalista pesarese va giù senza peli sulla lingua: “Valentino è diverso da quello che appare a telecamere accese e taccuini aperti. Quando ha sparato a palle incatenate contro Marquez ha mostrato la sua vera faccia: è cattivo, vendicativo e rancoroso. Non è quello che ci hanno dipinto i signori della stampa… Il vero problema è che Marquez è più bastardino di Valentino”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori