CONDIVIDI
Marc Marquez (Getty Images)

Solo sesto posto nelle qualifiche per Marc Marquez, ma lo spagnolo motiva la sua posizione e spiega la strategia adottata

Marc Márquez ha ammesso le sue sofferenze. Tutto sommato, crede di poter vincere. Ha fatto riferimento ad alcune parole di Valentino Rossi a Sky : “Márquez devi guardarlo e imparare”. Sulle prove ha dichiarato: “Sono in una situazione simile al Qatar. Sto soffrendo un pelo di più, ma sono allo stesso livello degli altri, e questo è importante. La Q2 non riflette la mia reale posizione, perché a livello di passo gara andiamo meglio. Qua c’è un fattore determinante, ovvero la gomma anteriore. Ci sono alcune opzioni speciali, più morbide, che funzionano meglio la mattina, e peggio al pomeriggio. Ma stiamo gestendo la cosa abbastanza bene. Non credo nelle teorie, ora abbiamo tre opzioni di pneumatici.” Marquez non intende assumersi troppi rischi per vincere la gara ad ogni costo: “Non ho contato quanti salvataggi ho fatto oggi, ma almeno quattro o cinque ‘giocando’ con i gomiti. Domani sarà un giorno dove non si dovrà rischiare, ma fare punti. Un campionato è fatto di 19 gare e serve portare a casa punti”.

Marquez: “All’ultimo giro ho studiato Valentino Rossi”

Poi parla di Valentino Rossi e spiega perché non ha effettuato l’ultimo tentativo: “All’ultimo giro, quando era già in pole me lo sono trovato alle spalle. È normale, anche io cerco di capire cosa fa di diverso chi è in testa. E ho preferito abortire il giro e partire sesto, piuttosto che fargli imparare qualcosa. La pole di Rossi è stata incredibile, perché ha girato 46.2 con il caldo. La velocità la ha, vedremo cosa farà in gara. Due Yamaha saranno davanti, e sarà importante capire come andranno”.Sulla gara di domani Marquez ha le idee chiare: “Credo che sarà una gara di gruppo. Qua si prendono le scie, e ho abortito alcuni giri proprio per non dare la scia agli avversari. Al Mugello si impara molto seguendo gli altri. Quello che ne ha un po’ più di tutti è Iannone, ha un ritmo superiore a tutti. Dovremo capire come gestirlo e come gestire i 36 punti di vantaggio nel Mondiale. Gli altri rivali saranno Valentino, Dovizioso e Vinales“.