CONDIVIDI
Marco Melandri (©Getty Images)

Buono il ritorno di Marco Melandri in Superbike con 13 podi e 1 successo. Certo la moto non era la migliore del lotto e lo dimostra l’impotenza del compagno di squadra Chaz Davies davanti al cannibale Jonathan Rea. Però una cosa è certa, il pilota italiano ha dato dimostrazione di poter lottare ancora con i big e magari nella prossima annata potrebbe togliersi qualche soddisfazione in più.

L’epilogo in Qatar purtroppo non è stato dei migliori con un 6° posto in Gara 2, che lascia un po’ l’amaro in bocca. Come riportato da “Speedweek”, Marco Melandri a margine dell’ultimo GP del mondiale ha così dichiarato: “Ho avuto problemi durante tutto il weekend. Non avevo grip con il pneumatico. Quando ero in piega non potevo spingere perché venivo spinto verso l’esterno. La gara di sabato è stata ancora peggio di quella del venerdì”.

La moto non andava

Il pilota della Ducati ha poi proseguito: “Abbiamo provato a cambiare approccio, ma le cose sono peggiorate e non solo non avevo grip, ma la moto era ancora più nervosa. Le cose sono andate male, non potevo nemmeno riposare, normalmente tra una curva e l’altra si può riposare, ma la moto si muoveva troppo. Dobbiamo risolvere queste cose altrimenti sarà difficile per me migliorare nel campionato”.

Infine chiusura di Marco Melandri sui problemi Ducati: “Sono più leggero rispetto gli altri piloti Ducati. Se metto più peso sulla posteriore, l’anteriore della moto diventa troppo leggera. Non so cosa dobbiamo provare, abbiamo già provato tutto. Ci deve essere un grande cambiamento durante l’inverno. I primi 3 GP non sono andati così male, poi da Assen in poi le cose sono peggiorate”.

Antonio Russo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori