CONDIVIDI
Marc Marquez
Marc Marquez (©Getty Images)

Marc Marquez può dirsi sicuramente soddisfatto nel test MotoGP svolto in Thailandia. Oggi nel terzo e ultimo giorno a Buriram ha chiuso ha chiuso quarto, dopo aver fatto il miglior tempo ieri. Distacco di 362 millesimi dal compagno Daniel Pedrosa, leader de Day-3.

Ma il giro secco oggi conta poco, perché il campione del mondo in carica si è concentrato sul passo. Ha provato diverse cose sulla sua Honda, arrivando ad accumulare ben 96 giri. In tre giorni ne ha totalizzati 268. Lo spagnolo ha cercato di girare il più possibile, dato che il Chang International Circuit rappresenta una novità per il calendario del Motomondiale e dunque serviva sfruttare il test per conoscere bene la pista.

MotoGP, Thai Test: Marc Marquez soddisfatto

Marc Marquez in Thailandia ha confermato il suo ottimo stato di forma. L’aver compiuto ieri il suo 25° compleanno non lo ha affatto distratto. In pista è stato il fenomeno di sempre. Certamente lui lascia Buriram col sorriso e la consapevolezza di essere ancora il migliore.

Il pilota della Honda, ripreso da Motorsport.com, ha spiegato che tipo di lavoro è stato fatto oggi dal suo team: “Abbiamo lavorato sul ritmo, perché questo è ciò che deve essere fatto. Oggi abbiamo fatto alcuni passi avanti. Se vedete il tempo, direte che non sono andato così veloce, ma dipende dal time-attack all’ultimo minuto. Non l’abbiamo fatto e lo abbiamo sacrificato per fare più long-run e altre cose. La simulazione è andata bene, con la gomma che è stata la più critica per noi ed è quella che sembra useremo per la gara. Sono contento e aspetto il Qatar”.

Nel team Repsol hanno scelto il motore 2018 ormai. Ieri è stata provata una nuova carenatura e oggi è stata testata un nuovo forcellone in carbonio. Su queste novità Marquez ha dichiarato: “Dalla fabbrica hanno portato delle cose per migliorare. Stanno lavorando molto veloce. Questo è super importante, ma fino alle prime gare non sappiamo dove siamo. Ora andiamo Losail, una pista dove ogni anno soffriamo un po’ troppo”.

In casa Honda vanno veloci sia Marc che Dani Pedrosa. Pure Cal Crutchlow ha fatto buoni tempi in questi giorni. Certamente la casa di Tokio parte come favorita per il campionato mondiale MotoGP 2018. Però Ducati, seconda forza in pista, vuole fare di tutto per provare a vincere il titolo. E occhio alla Yamaha, che ora è in grandissima difficoltà ma che ha i mezzi per risollevarsi.

Matteo Bellan