CONDIVIDI
Marc Marquez (Getty Images)

MotoGP | Marc Marquez: “Lorenzo? Preferisco così, non avrà scuse con la mia moto”

Marc Marquez è leader del mondiale MotoGP e vuole conservare tale posizione sino all’ultima gara. Il rider spagnolo sinora è apparso assolutamente imbattibile in pista e sembra destinato a portare a casa l’ennesimo titolo mondiale. Gli avversari però non la pensano così e proveranno a metterlo in difficoltà da qui a fine campionato.

Come riportato da “Mundo Deportivo”, Marc Marquez ha così parlato delle sue vacanze: “Mi sono disconnesso un po’, ho passato quasi una settimana con i miei amici era ciò che volevo e penso sia importante per il corpo e la mente. Cerco sempre di sorridere, cerco di ottenere la parte positiva delle cose”.

Il 2015 ha cambiato Marquez

Lo spagnolo ha poi parlato del suo carattere: “I miei modi di fare sono stati influenzati molto dalla situazione del 2015. Al di fuori della pista è impossibile controllare le cose, non importa quanto parli, le persone capiscono sempre quello che vogliono, ma non tutti sono così. Presto mi trasferirò, ma ho ancora bisogno dei miei genitori e di mio fratello, abiterò a pochi minuti da loro”.

Marc Marquez ha anche parlato delle difficoltà di essere sé stesso e poi ha commentato nuovamente i fatti del 2015: “Per me è stato difficile, ho avuto un brutto momento, ma poi ho pensato che avrei parlato in pista l’anno dopo. Quest’anno le cose stanno andando bene. Nel 2017 avevamo cominciato male. La gente dice che la mia moto va bene, ma dietro di me ci sono due Yamaha e la Ducati. In fondo è sempre una combinazione tra piloti, team e moto”.

Lo spagnolo ha anche dichiarato sull’arrivo di Lorenzo: “Sapevo di questa scelta di Honda, mi hanno informato e chiesto se era un problema, non ho deciso nulla, ma comunque ho detto che non avevo problemi. Non devo avere paura di nessuno e preferisco che uno dei miei rivali più forti abbia le mie stesse armi così non avrà scuse”.

Stuzzicato sul famoso muro tra Rossi e Lorenzo ha commentato: “Credo sia stata una cosa psicologica, io non lo farei. Puoi vincere quanto vuoi, ma se l’anno prossimo vince Lorenzo diventa lui il primo pilota. Successe così anche quando arrivai in Honda, quell’anno fu Dani a dettare la linea, poi mano a mano mi guadagnai il ruolo di primo pilota”.

Marc Marquez ha poi parlato della stagione attuale: “Dobbiamo affrontare il resto della stagione con la stessa mentalità. Ho già fatto un errore al Mugello, bisogna sempre fare punti e non lasciarli per strada”.

Antonio Russo