CONDIVIDI
Maio Meregalli
Maio Meregalli (©Getty Images)

Maio Meregalli e tutti in casa Yamaha sono rimasti abbastanza soddisfatti dopo il test MotoGP a Sepang. La nuova M1 2018 sembra essere nata positivamente, anche se ci sono ancora delle cose da sistemare.

Il team Movistar deve lavorare per ridurre l’usura della gomma posteriore e avere un maggiore rendimento quando fa molto caldo e nelle situazioni di poco grip. Dalla casa di Iwata sono arrivate delle novità per incidere in quelle aree dove bisogna recuperare del gap. In Malesia si è lavorato parecchio su telaio ed elettronica soprattutto.

MotoGP, Maio Meregalli contento della nuova Yamaha

Maio Meregalli, team manager Yamaha, si è mostrato contento dopo il test di Sepang: “I risultati sono buoni – ha detto a MotoGP.com -, perché la moto si guida bene e le gomme durano più a lungo. Puoi guidare la moto come vuoi tu. Questo era il nostro obiettivo. Un’altra cosa molto positiva è il nuovo motore. Offre una buona velocità. Nella gamma di regimi più bassi, è molto delicato, ma offre comunque una buona velocità massima. Abbiamo anche fatto progressi in termini di elettronica”.

Miglioramenti in termini di usura degli pneumatici, di velocità e anche di elettronica. Il team Movistar ha lavorato bene, però è presto per le esaltazioni. Meregalli aggiunge: “Non potevamo aspettarci grandi progressi in breve tempo, se si considera che avevamo bisogno di un sacco di tempo nel corso dell’anno passato per trovare la soluzione corretta. Abbiamo lasciato Sepang felici, perché possiamo essere fiduciosi per la stagione 2018”.

Il bilancio del test MotoGP svolto in Malesia è positivo. I progressi ci sono stati e adesso il pensiero è al prossimo test a Buriram, in Thailandia. Il circuito tailandese è la novità del campionato 2018 e dunque sarà importante testare la Yamaha. Appuntamento al 16-18 febbraio, quando i team della top class del Motomondiale saranno tutti lì.

 

Matteo Bellan